Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Chi siamo Dipartimenti di produzione territoriale Dipartimento di Sanità Pubblica APPS PI-CS Screening del tumore della mammella
Azioni sul documento

Screening del tumore della mammella

Data di pubblicazione: 22/06/2011 14:00

Il percorso e i risultati

Ultimo aggiornamento : 09/12/2016

Nelle passate decadi il numero di nuovi casi del tumore della mammella è andato progressivamente aumentando; la mortalità appare tuttavia in declino, suggerendo il beneficio apportato dal programma di screening che consente una diagnosi precoce e da trattamenti più efficaci.
L’eziologia della stragrande maggioranza dei casi rimane sconosciuta. Sono comunque sono stati evidenziati numerosi fattori di rischio tra cui: l’età più avanzata, la storia familiare per tumore della mammella in giovane età, il menarca precoce e la menopausa tardiva, l’età più avanzata al primo parto, la prolungata terapia ormonale sostituiva, l’esposizione della parete toracica a precedente radioterapia, la malattia proliferativa benigna della mammella e le mutazioni genetiche, come nel caso dei geni BRCA 1-2.

Modalità di coinvolgimento della popolazione

Dal 1 gennaio 2010, anno in cui è stata ampliata la fascia della popolazione target,  tutte le donne di età compresa fra i 45 e i 74 anni sono invitate allo screening con lettera a domicilio che indica luogo, giorno e ora in cui presentarsi per eseguire la mammografia.

E’ possibile, nel caso sia necessario, modificare l’appuntamento con una telefonata al numero che è indicato sulla lettera di invito. Alla lettera di invito è allegato un opuscolo informativo, che spiega le ragioni e le modalità di esecuzione della mammografia di screening.


La partecipazione al programma è completamente gratuita e non occorre la impegnativa del medico curante.


Consegna del referto/esito della mammografia

Se l’esito della mammografia darà risultato negativo (ovvero normale) il referto arriverà per posta al domicilio e la signora sarà richiamata dopo uno o due anni (la periodicità dell’invito dipende dall’età) per ripetere la mammografia.

Se la mammografia sarà non ben leggibile o si rilevano delle alterazioni o in caso di esito positivo, la signora sarà richiamata telefonicamente dal personale competente per ripeterla o per eseguire ulteriori accertamenti concordando il relativo appuntamento.

L’invito ha cadenza periodica: per le signore di età compresa fra 45 e 49 anni l’invito arriva ogni anno, per le signore di età compresa fra 50-74 anni l’invito arriva ogni 2 anni.

Nel caso siano necessari ulteriori accertamenti, questi vengono eseguiti gratuitamente nell’ambito del programma e, come per la mammografia di base, non occorre la impegnativa del medico curante. Ciò consente di seguire costantemente la salute della donna che aderisce al programma.

Dove eseguire l'esame

Le mammografie vengono eseguite:

 - nelle 3 sedi Poliambulatoriali della AUSL di Bologna: Casalecchio, San Lazzaro di Savena, San Pietro in Casale;

 - nelle 5 sedi Ospedaliere della AUSL di Bologna: Bazzano, Bellaria, Bentivoglio, San Giovanni in Persicelo, Vergato;

- e presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna.


Inoltre dal luglio 2007 vengono eseguite anche nella Unità Mobile Mammografica. Il mezzo, attrezzato con un mammografo digitale di ultima generazione, raggiunge tutti i paesi che non dispongono di una sede mammografica nelle immediate vicinanze o che, per particolari condizioni morfologiche del territorio, sono meno serviti dai trasporti.

L’unità mobile mammografica è assolutamente autonoma, non necessita dunque di appoggiarsi a nessuna struttura sanitaria. L’indagine mammografica viene effettuata al suo interno da un tecnico radiologo, e gli esami vengono successivamente valutati da un medico della Senologia dell’Ospedale Bellaria-Maggiore.

La Campagna di Screening del tumore della mammella è realizzata con il coinvolgimento di un team di professionisti delle Unità Operative di Oncologia (es: Senologia, Radiologia, Anatomia Patologica) e Centro Screening.

Anche i medici di famiglia collaborano al programma di screening e potranno essere consultati per avere indicazioni. Ad essi, inoltre, occorre fare riferimento in caso di comparsa di un nodulo o alterazioni della pelle o dei capezzoli, anche se insorti solo poco tempo dopo l’esecuzione di accertamenti risultati negativi.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti rivolgersi al Centro Screening:
Numero verde:  800 314 858 -  dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 15.00
Indirizzo di posta elettronica: centro.screening@ausl.bo.it

 

 

 

« marzo 2019 »
marzo
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031