Cerca

Procedimenti amministrativi a istanza di parte

Pubblicato il 21/11/2022
Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Anziani - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Appennino Bolognese

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la comunicazione di disponibilità di posto letto da parte della CRA accreditata. Fasi in sequenza: 1) Ente Gestore comunica la disponibilità di un posto; 2) UASS sulla base della graduatoria e/o di particolari segnalazioni (Emergenza Socio Sanitaria) contatta il familiare referente; 3) UASS comunica al Gestore e all'Assistete Sociale dell'Ente Locale l'accettazione del posto disponibile; 4) UASS trasmette il nominativo presente in graduatoria alla Struttura in cui entrerà (attraverso il sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata - GARSIA). Leggi Regionali Regione Emilia Romagna n. 5/1994, n. 2/2003, n. 27/2004. Deliberazioni Azienda USL di Bologna n. 113/2006, n. 278/2012, n. 173/2017, n. 232/2019

Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Anziani - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Reno, Lavino e Samoggia

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la comunicazione di disponibilità di posto letto da parte della CRA accreditata. Fasi in sequenza: 1) Ente Gestore comunica la disponibilità di un posto; 2) UASS sulla base della graduatoria e/o di particolari segnalazioni (Emergenza Socio Sanitaria) contatta il familiare referente; 3) UASS comunica al Gestore e all'Assistete Sociale dell'Ente Locale l'accettazione del posto disponibile; 4) UASS trasmette il nominativo presente in graduatoria alla Struttura in cui entrerà (attraverso il sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata - GARSIA). Leggi Regionali Regione Emilia Romagna n. 5/1994, n. 2/2003, n. 27/2004. Deliberazioni Azienda USL di Bologna n. 113/2006, n. 278/2012, n. 173/2017, n. 232/2019

Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Disabili Adulti - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Pianura Ovest

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la ricezione delle richieste raccolte dagli Sportelli Sociali dei Comuni. Segue istruttoria e proposta progettuale del competente Servizio Disabili Adulti e conseguente valutazione in Unità Valutazione Multidimensionale (UVM). Fasi in sequenza: 1) Operatore UASS inserisce la valutazione nel sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata GARSIA (Cartella Utente); 2) Operatore UASS verifica la disponibilità di un posto nella rete dei Centri Socio-Riabilitativi Residenziali (CSRR) accreditati; 3) UASS (in accordo con Azienda Servizi alla Persona (ASP)/Azienda Servizi per la Cittadinanza (ASC)/Enti Locali (EE.LL.)) attiva la collocazione del disabile nella struttura individuata come più appropriata in relazione al progetto elaborato dalla UVM sulla base del bisogno dell'utente.

Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Disabili Adulti - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Appennino Bolognese

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la ricezione delle richieste raccolte dagli Sportelli Sociali dei Comuni. Segue istruttoria e proposta progettuale del competente Servizio Disabili Adulti e conseguente valutazione in Unità Valutazione Multidimensionale (UVM). Fasi in sequenza: 1) Operatore UASS inserisce la valutazione nel sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata GARSIA (Cartella Utente); 2) Operatore UASS verifica la disponibilità di un posto nella rete dei Centri Socio-Riabilitativi Residenziali (CSRR) accreditati; 3) UASS (in accordo con Azienda Servizi alla Persona (ASP)/Azienda Servizi per la Cittadinanza (ASC)/Enti Locali (EE.LL.)) attiva la collocazione del disabile nella struttura individuata come più appropriata in relazione al progetto elaborato dalla UVM sulla base del bisogno dell'utente.

Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Disabili Adulti - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Pianura Est

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la ricezione delle richieste raccolte dagli Sportelli Sociali dei Comuni. Segue istruttoria e proposta progettuale del competente Servizio Disabili Adulti e conseguente valutazione in Unità Valutazione Multidimensionale (UVM). Fasi in sequenza: 1) Operatore UASS inserisce la valutazione nel sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata GARSIA (Cartella Utente); 2) Operatore UASS verifica la disponibilità di un posto nella rete dei Centri Socio-Riabilitativi Residenziali (CSRR) accreditati; 3) UASS (in accordo con Azienda Servizi alla Persona (ASP)/Azienda Servizi per la Cittadinanza (ASC)/Enti Locali (EE.LL.)) attiva la collocazione del disabile nella struttura individuata come più appropriata in relazione al progetto elaborato dalla UVM sulla base del bisogno dell'utente.

Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Disabili Adulti - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Reno, Lavino e Samoggia

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la ricezione delle richieste raccolte dagli Sportelli Sociali dei Comuni. Segue istruttoria e proposta progettuale del competente Servizio Disabili Adulti e conseguente valutazione in Unità Valutazione Multidimensionale (UVM). Fasi in sequenza: 1) Operatore UASS inserisce la valutazione nel sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata GARSIA (Cartella Utente); 2) Operatore UASS verifica la disponibilità di un posto nella rete dei Centri Socio-Riabilitativi Residenziali (CSRR) accreditati; 3) UASS (in accordo con Azienda Servizi alla Persona (ASP)/Azienda Servizi per la Cittadinanza (ASC)/Enti Locali (EE.LL.)) attiva la collocazione del disabile nella struttura individuata come più appropriata in relazione al progetto elaborato dalla UVM sulla base del bisogno dell'utente.

Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Disabili Adulti - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Savena Idice

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la ricezione delle richieste raccolte dagli Sportelli Sociali dei Comuni. Segue istruttoria e proposta progettuale del competente Servizio Disabili Adulti e conseguente valutazione in Unità Valutazione Multidimensionale (UVM). Fasi in sequenza: 1) Operatore UASS inserisce la valutazione nel sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata GARSIA (Cartella Utente); 2) Operatore UASS verifica la disponibilità di un posto nella rete dei Centri Socio-Riabilitativi Residenziali (CSRR) accreditati; 3) UASS (in accordo con Azienda Servizi alla Persona (ASP)/Azienda Servizi per la Cittadinanza (ASC)/Enti Locali (EE.LL.)) attiva la collocazione del disabile nella struttura individuata come più appropriata in relazione al progetto elaborato dalla UVM sulla base del bisogno dell'utente.

Accesso utenti in strutture socio-sanitarie per Disabili Adulti - Unità Attività Socio Sanitarie (UASS) Bologna

Il procedimento di competenza distrettuale prende avvio con la ricezione delle richieste raccolte dagli Sportelli Sociali dei Comuni. Segue istruttoria e proposta progettuale del competente Servizio Disabili Adulti e conseguente valutazione in Unità Valutazione Multidimensionale (UVM). Fasi in sequenza: 1) Responsabile del caso afferente al Servizio Sociale per la Disabilità del Comune di Bologna inserisce la valutazione nel sistema Gestione Accesso Rete Socio-sanitaria Integrata Automatizzata GARSIA (Cartella Utente); 2) Operatore UASS verifica la disponibilità di un posto nella rete dei Centri Socio-Riabilitativi Residenziali (CSRR) accreditati; 3) UASS (in accordo con Azienda Servizi alla Persona (ASP)/Azienda Servizi per la Cittadinanza (ASC)/Enti Locali (EE.LL.)) attiva la collocazione del disabile nella struttura individuata come più appropriata in relazione al progetto elaborato dalla UVM sulla base del bisogno dell'utente.

Accesso a documentazione amministrativa prodotta e/o detenuta stabilmente dalla UOC Servizio Unico Metropolitano Contabilità e Finanza

Strumento finalizzato a proteggere interessi giuridici particolari da parte di soggetti portatori di un interesse diretto, concreto ed attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è richiesto l’accesso (art. 22 e ss L. 241/1990)

Accesso civico generalizzato: accesso a dati o documentazione amministrativa detenuta stabilmente dal Servizio Unico Metropolitano Contabilita' e Finanza (SUMCF)

Strumento finalizzato ad ottenere l'accesso a dati o documenti, ulteriori rispetto a quell i oggetto di obbligo di pubblicazione, (comma 2 art. 5 D.Lgs. 33/2013)

Pagamento Equitalia nel caso di controllo sul Fornitore con irregolarità

Pagamento Equitalia nel caso di controllo sul Fornitore con irregolarità (art.48 bis D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602)

Adesione convenzioni Centrale di Committenza

Come previsto da normativa nazionale e regionale, visto l'art.37 del D.lgs 50/2016, la Stazione Appaltante al momento dell'avvio della procedura di gara, accerta la presenza di convenzioni stipulate dal soggetto aggregatore (Agenzia Regionale Intercent-er - soggetto aggregatore per la Regione Emilia Romagna, Consip SPA - Soggetto aggregatore nazionale) e, nel caso fossero attive convenzioni, aderisce con atto di adesione e apposito ordine sul portale (ODF) alla convenzione presente.

Adozione programma biennale acquisti di forniture e servizi

Ai sensi dell'art. 21 del D.lgs n.50/2016, le amministrazioni aggiudicatrici adottano il programma biennale degli acquisti di beni e servizi, nonchè i relativi aggiornamenti annuali. Tale programma contiene gli acquisti di importo unitario stimato pari o superiore a 40.000,00 euro. Entro il mese di ottobre di ogni anno, l'elenco degli acquisti di forniture e servizi d'importo superiore a 1 milione di euro da inserire nella programmazione biennale, è comunicato al tavolo tecnico dei soggetti aggregatori. Il decreto MIT 16 gennaio 2018, Gazzetta Ufficiale n. 57 del 9 marzo 2018, in vigore dal 24 marzo 2018, ha regolamentato tramite procedure e schemi-tipo, la redazione e la pubblicazione del programma biennale per l’acquisto di forniture e servizi, i relativi elenchi e aggiornamenti annuali.

Aggiudicazione di procedura di gara

Ai sensi dell'art.32 del D.lgs 50/2016, la stazione appaltante, previa verifica della proposta di aggiudicazione ai sensi dell'articolo 33, comma 1, provvede all'aggiudicazione per l'affidamento di forniture e servizi. L'aggiudicazione diventa efficace dopo la verifica del possesso dei prescritti requisiti. A efficacia dell'aggiudicazione e fatto salvo l'esercizio dei poteri di autotutela nei casi consentiti dalle norme vigenti, la stipulazione del contratto di appalto o di concessione ha luogo entro i successivi sessanta giorni e non prima del termine dilatorio di cui al comma 9, dell'art.32 del D.lgs 5072016, nei casi previsti.

Atto di esclusione e di ammissione operatore economico

Ai sensi dell'art.76, del D.lgs 50/2016, dopo la verifica della documentazione attestante l'assenza dei motivi di esclusione di cui all'articolo 80 del D.lgs 50/2016, nonchè la sussistenza dei requisiti economico- finanziari e tecnico-professionali degli operatori economici partecipanti alla procedura di gara di valore soprasoglia comunitaria, la Stazione appaltante comunica l'esclusione o l'ammissione alla procedura di affidamento.

Modifica di contratti durante il periodo di efficacia senza una nuova procedura di gara

La Stazione appaltante procede con atto ad autorizzare modifiche o variazioni a contratti in corso nei termini e secondo quanto stabilito ai commi 1 e 2 dell'art. 106 del D.Lgs 50/2016.

Determina a contrarre con individuazione degli elementi essenziali del contratto e i criteri di selezione degli operatori economici e delle offerte per l'affidamento di forniture e servizi

Ai sensi dell'art.32 del D.gls 50/2016, prima dell'avvio delle procedure di affidamento dei contratti pubblici, le stazioni appaltanti, in conformità ai propri ordinamenti decretano o determinano di contrarre. In caso di procedure di gara con soglia di rilevanza comunitaria, la determina a contrarre prevede l'indizione della gara, la pubblicazione del bando di gara ed estratto, l'approvazione della documentazione di gara qualora trattasi di procedura aperta.

Nomina della commissione giudicatrice in caso di appalto da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa per acquisto di forniture e servizi

Ai sensi dell'art.77 del D.lgs 50/2016, nelle procedure di aggiudicazione di contratti di appalti o di concessione, limitatamente ai casi di aggiudicazione con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, la valutazione delle offerte dal punto di vista tecnico ed economico è affidata a una commissione giudicatrice, composta da esperti nello specifico settore cui afferisce l'oggetto del contratto. I nominativi dei Commissari di gara sono richiesti ai Distretti, Dipartimenti, ecc. In caso di gare di rilevanza strategica i nominativi sono richiesti alle Direzioni di Presidio. Per le gare AVEC si richiedono i nominativi anche ai Collegi Tecnici dei Direttori Sanitari e Amministrativi. La nomina della Commissione avviene dopo la scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte.

Attestazioni prestazioni contrattuali di beni e servizi - fatturato con dichiarazione di buona esecuzione

Attestazioni richieste da altri Enti appaltanti o dalle stesse Ditte fornitrici ai fini della partecipazione a gare, per la dimostrazione della capacità tecnica ed economica - Art. 83 DLGS 50/2016.

Contratti di comodato d'uso e donazioni

Concessione a titolo gratuito/donazione da parte di privati/ditte/altri enti di beni economali/informatici per il loro utilizzo presso le strutture aziendali

Richiesta di accesso agli atti delle procedure di gara

Richieste di accesso agli atti delle gare da parte delle Ditte concorrenti - Art. 53 DLGS 50/2016, L. n° 241/90 e DPR 184/2006.

Richiesta di accesso civico generalizzato

Strumento finalizzato ad ottenere l'accesso a dati o documenti, ulteriori rispetto a quelli oggetto di obbligo di pubblicazione (comma 2 art. 5 D.Lgs. 33/2013).

Richiesta di autorizzazione al subappalto per gare di forniture e servizi

Il soggetto affidatario di un contratto d'appalto che intende subappaltare a terzi parte delle prestazioni o lavorazioni oggetto del contratto, deve richiedere apposita autorizzazione alla Stazione Appaltante, che la concede qualora siano rispettate tutte le condizioni di cui all'art.105 del D.lgs 50/2016

Accesso a documentazione amministrativa prodotta e/o detenuta stabilmente dalla Direzione DATeR

La Legge 241/90 e s.m.i.. Strumento finalizzato a proteggere interessi giuridici particolari da parte di soggetti portatori di un interesse diretto, concreto ed attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è richiesto l’accesso.

Accesso civico generalizzato: accesso a dati o documentazione amministrativa detenuta stabilmente dalla Direzione DATeR

Strumento finalizzato ad ottenere l'accesso a dati o documenti, ulteriori rispetto a quelli oggetto di obbligo di pubblicazione, (comma 2 art. 5 D.Lgs. 33/2013)

Conferimento incarichi a tempo indeterminato a Medici di Continuità Assistenziale.

A seguito dell’individuazione degli aventi diritto da parte della RER, si provvede a:- Adottare una determina del Direttore U.O. Processi Amministrativi Cure Primarie di conferimento degli incarichi - Comunicare agli interessati con lettera RAR il conferimento dell’incarico ed i successivi adempimenti necessari all’instaurazione del rapporto convenzionale.- Verificare il rispetto delle condizioni richieste e ad instaurare il rapporto convenzionale.- Inserimento del medico negli applicativi aziendali e apertura posizione in procedura stipendiale. A.C.N. Medicina Generale e L. 241/90

Conferimento incarichi a tempo indeterminato a Medici di Assistenza Primaria e Pediatri di Libera Scelta.

A seguito dell’individuazione degli aventi diritto da parte della RER, si provvede a:- Adottare una determina del Direttore U.O. Processi Amministrativi Cure Primarie di conferimento degli incarichi - Comunicare agli interessati con lettera RAR il conferimento dell’incarico ed i successivi adempimenti necessari all’instaurazione del rapporto convenzionale.- Verificare il rispetto delle condizioni richieste e ad instaurare il rapporto convenzionale.- Inserimento del medico negli elenchi informatici regionale ed aziendale- Comunicazione all’interessato dell’iscrizione negli elenchi dei MMG/PLS ACN Medicina Generale / Pediatria di Libera Scelta e L. 241/90

Conferimento incarichi a tempo indeterminato e a tempo determinato a Specialisti Ambulatoriali Interni, Veterinari e Professionisti.

- Pubblicazione, con cadenza trimestrale, dei turni disponibili.- Ricezione e graduazione delle domande di conferimento incarico.Se richiesta valutazione possesso particolari capacità professionali:- Valutazione della documentazione eventualmente richiesta ed allegata- Acquisizione delle designazioni di parte sindacale e aziendale e nomina apposita Commissione mediante adozione di Delibera del DG- Convocazione Commissione e candidati- Acquisizione verbale Commissione.- Adozione di una determina del Direttore U.O. Processi Amministrativi Cure Primarie di conferimento dell’incarico previa intesa con il Responsabile della Macroarticolazione in ordine al giorno di inizio dell’incarico- Comunicazione con lettera all’interessato del conferimento dell’incarico e delle sue modalità di espletamento. Apertura posizione in procedura stipendiale e di rilevazione elettronica presenze. ACN Specialistica e L. 241/90.

Individuazione degli aventi diritto all’assegnazione di incarichi a tempo determinato di Continuità Assistenziale.

- Pubblicazione del bando sul BURER- Ricezione delle domande e predisposizione graduatoria - Adozione di una determina del Direttore Processi Amministrativi Cure Primarie di approvazione della graduatoria aziendale annuale A.C.N. Medicina Generale e L. 241/90

Accesso a documentazione Amministrativa detenuta stabilmente da Dipartimento Cure Primarie

Strumento finalizzato a proteggere interessi giuridici particolari da parte di soggetti portatori di un interesse diretto, concreto ed attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento rispetto al quale è richiesto l'accesso (art. 22 L. 241/90). Tutti i riferimenti aziendali utili sono pubblicati alla pagina: https://albo-extranet.internal.ausl.bologna.it/asl-bologna/staff/anticorruzione-trasparenza-e-privacy/diritti-daccesso/accesso-a-dati-documenti-e-informazioni-detenuti