Cerca

Informazioni ambientali

Pubblicato il 16/03/2020
Sintesi

Nell’art. 40 del d.lgs. n. 33 del 2013 sono indicate le informazioni ambientali oggetto di pubblicazione nellasezione “Amministrazione Trasparente” del sito istituzionale dell’Amministrazione, rinviando agli artt. 2, comma 1, lett. a) e 10 del Decreto Legislativo 19 agosto, n. 195. Tali disposizioni normative forniscono le tipologie e il contenuto di informazioni ambientali che vanno pubblicate nella presente sezione, e precisamente:

  • Informazioni ambientali
  • Stato dell’ambiente
  • Fattori inquinanti
  • Misure incidenti sull’ambiente e relative analisi di impatto
  • Misure a protezione dell’ambiente e relative analisi di impatto
  • Relazioni sull’attuazione della legislazione
  • Stato della salute e della sicurezza umana
  • Relazione sullo stato dell’ambiente del Ministro dell’Ambiente e dellatutela del territorio
In questa sezione vengono fornite le informazioni ambientali indicate dall’art. 40 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica

Informazioni ambientali

L’Azienda USL persegue lo scopo di promuovere e tutelare la salute, siaindividuale sia collettiva, della popolazione residente e presente nel proprioambito territoriale. La stretta connessione tra ambiente e salute dellapopolazione, riconosciuta anche nell’ambito della definizione dei LivelliEssenziali di Assistenza (LEA), livello “Prevenzione collettiva e sanitàpubblica”, area “Tutela della salute e della sicurezza degli ambienti aperti econfinanti”, richiede azioni e attività di diversa natura e finalità, che inambito aziendale sono svolte dal Dipartimento di Sanità Pubblica, in strettacollaborazione con l’Agenzia Regionale per la Prevenzione, l´Ambiente el´Energia (ARPAE), con la Regione Emilia-Romagna e iComuni.

Le attività svolte sui temi ambientali e quindi le informazioniambientali che l’Azienda detiene, sono disponibili nelle Relazioni Annuali di attività del Dipartimento di Sanità Pubblica.

Stato dell’ambiente

Sono presi in considerazione gli elementi dell’ambiente, quali l'aria,l'atmosfera, l'acqua, il suolo, il territorio, i siti naturali, compresi gliigrotopi, le zone costiere e marine, la diversità biologica ed i suoi elementicostitutivi, compresi gli organismi geneticamente modificati, e, inoltre, leinterazioni tra questi elementi.

La Relazione annuale del Dipartimento di Sanità Pubblica prevede uncapitolo sull'ambiente con un approfondimento su temi di interesse rilevantequali i cambiamenti climatici, lo sviluppo sostenibile, l’esposizione aiprincipali fattori di rischio ambientale: inquinamento dell’aria (indoor eoutdoor), da sostanze chimiche, inquinamento acustico, radiazioni, condizioni dilavoro o abitative inadeguate, la gestione delle risorse naturali (acqua, suoloe aria).

Sono oggetto di separata attività di analisi i fattori di rischiocausati dall’inquinamento atmosferico le cui risultanze sono consultabili neldocumento “Valutazionesanitaria della qualità dell’aria a Bologna”, aggiornato annualmente.

Sul sito dell’ARPAE sonodisponibili Report ambientali dell’Emilia-Romagna, Rapporti tecnici suspecifici temi ambientali e reportistica ambientale per provincia.

L’ultimaRelazione sullo Stato dell’Ambiente della Regione Emilia-Romagna è consultabile nella pagina dedicata del sito istituzionale dell'ente.

Fattori inquinanti

Sono fattori quali le sostanze, l’energia, il rumore, le radiazioni, o irifiuti, anche quelli radioattivi, le emissioni, gli scarichi e altri rilascinell’ambiente, che incidono o possono incidere sugli elementi dell’ambiente.

Per approfondimenti si rimanda all’estratto della relazione annuale delDipartimento di Sanità Pubblica sui fattori inquinanti e al sito dell'IstitutoSuperiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale cherinvia all’Annuario dei Dati Ambientali, che costituisce la più esaustiva ecompleta pubblicazione ufficiale di dati e informazioni ambientali di livellonazionale, grazie anche alla collaborazione con il Sistema Nazionale per la Protezionedell’Ambiente (SNPA).

Misure incidenti sull’ambiente e relative analisi di impatto

Si tratta di misure, anche amministrative, quali le politiche, ledisposizioni legislative, i piani, i programmi, gli accordi ambientali e ognialtro atto, anche di natura amministrativa, nonché le attività che incidono opossono incidere sugli elementi e sui fattori dell’ambiente ed analisicosti-benefici ed altre analisi ed ipotesi economiche usate nell’ambito dellestesse.

Le principali disposizioni legislative sono:

  • La Legge n. 221 del 28 dicembre 2015,cosiddetto Collegato ambientale, infavore della green-economy, che prevede misure rivolte alla promozionedell’economia circolare, della mobilità sostenibile, delle energie rinnovabilie della protezione dell’ambiente e delle risorse naturali;
  • Il Decreto Legge 14 ottobre 2019, n. 111, il cd. Decreto Clima, che allo scopo di impedire i cambiamenti climaticiprevede un Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenticlimatici e il miglioramento della qualità dell'aria e una serie di misure einiziative, come un buono mobilità per le città e le aree sottoposte ainfrazione europea per la qualità dell'aria, fondi per la realizzazione ol'ammodernamento delle corsie preferenziali e per realizzare o implementare iltrasporto scolastico per gli alunni delle scuole primarie e medie con mezziibridi, elettrici o non inferiori a euro 6.

In collaborazione con altri Enti, la Regione Emilia-Romagna ha attivato numerosiprogetti  sullaqualità dell’aria: Life Prepair, Iscape, Awair, Supersito, Moniter.

Sui singoli temi ambientali si rimanda alla sezione del sito di ARPAEdedicato ai temi ambientali.

Misure a protezione dell’ambiente e relative analisi di impatto

Vengono considerate le misure o le attività finalizzate a proteggere glielementi dell’ambiente e analisi costi-benefici ed altre analisi ed ipotesieconomiche usate nell’ambito delle stesse.

Per approfondimenti su tutte le iniziative ambientali a livellonazionale, si rimanda al sito del Ministero dell’ambiente e della tutela delterritorio e del mare.

Relazioni sull’attuazione della legislazione

Al Ministerodell’ambiente e della tutela del territorio e del mare è stato affidato il compito di elaborare delle Relazioni sull’attuazione dellalegislazione ambientale a livello nazionale.

Stato della salute e della sicurezza umana

Stato della salute e della sicurezza umana, compresa la contaminazionedella catena alimentare, le condizioni della vita umana, il paesaggio, i siti egli edifici d’interesse culturale, per quanto influenzabili dallo stato deglielementi dell’ambiente, attraverso tali elementi, da qualsiasi fattore inquinante.

Il Dipartimento di Sanità Pubblicapredispone il Profilo di salute, undocumento che raccoglie e descrive gli indicatori più importanti dellecondizioni di salute di una popolazione (demografici, socioeconomici, quellipiù prossimi a rappresentare lo stato di salute come la mortalità nelle suevarie sfaccettaturee la morbosità ovvero la distribuzione e la frequenza dellemalattie), e che permette, in modo macroscopico, di osservare e valutarel’impatto sulla salute di politiche socio-sanitarie dimostrandone l’efficacia omeno offrendo elementi per orientare le risorse economiche, sociali e culturalidi un territorio al miglioramento dello stato di salute della collettività.Ildocumento è un’occasione per riflettere sullo stato di salute dell’ambiente incui si vive, consapevoli di quanto il contesto ambientale condizioni lo statodi salute della comunità umana e di quanto sia necessario sostenere azioni disalvaguardia della natura da parte di tutti noi.

Relazione sullo stato dell’ambiente del Ministro dell’Ambiente e dellatutela del territorio

Il Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorioelabora una Relazione sullo statodell’ambiente che rappresenta non solo undoveroso aggiornamento sui principali indicatori ambientali del Paese, ma anche e soprattutto lo strumento, il più ampio e completo, per chi desidera approfondire sotto ilprofilo scientifico la situazione italiana.