Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Per i professionisti Giochi da ragazzi La mia vita è un disastro
Mappa del sito
 
Azioni sul documento

La mia vita è un disastro

Data di pubblicazione: 25/02/2013 10:42

2008 regia Gurinder Chadha

Ultimo aggiornamento : 23/09/2014

Vicina al suo quindicesimo compleanno, Giorgia mette gli occhi sull'ultimo arrivato a scuola, Robbie, membro della band degli Stiff Dylans. Sfortunatamente Robbie sta già uscendo con la più bella della scuola, la bionda e perfetta Lindsay.
Con l'aiuto dei suoi volenterosi ma incapaci genitori, del suo gatto Angus dai vestitini sgargianti e del suo gruppo di amiche, le Ace Gang Girls, Giorgia riesce a mettere in pratica un piano per conquistare l'agognato fidanzato e vivere così il più bel compleanno della sua vita.


Medie: Si tratta di una semplice commedia che affronta i vari temi dell’adolescenza: il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, il rapporto con i genitori, il gruppo delle amiche, le prime esperienze affettive, il confronto con i coetanei e il senso di inadeguatezza rispetto al proprio corpo.
Pur essendo l’ottica prevalentemente femminile, ci sono alcuni spunti sugli stereotipi del rapporto maschi femmine che possono essere utili a tutti.


Proposte di discussione:

I cambiamenti in adolescenza

  • 0.33-3.51

Giorgia va alla festa di carnevale vestita da oliva farcita e fa una figuraccia perché le sue amiche, che si sarebbero dovute mascherare in modo comico da antipasti, si sono invece mascherate in modo da risultare carine:
“Noi dovevamo vestirci da antipasti per essere spiritose!”
“Ma le ragazze spiritose non piacciono ai ragazzi!”.
Georgia scappa dalla festa e corre a casa a buttare via tutte le sue cose da bambina.


Medie: Riflessioni sul passaggio dall’infanzia all’adolescenza. Nel modo di comportarsi e di vestirsi diventa prioritario piacere all’altro sesso. Riflessioni su come cambia il rapporto tra maschi e femmine, su cosa cambia nel passaggio tra infanzia e età adulta.
Si può riflettere: cosa sta buttando via in realtà Giorgia? Cosa si butta via dell’infanzia? Perché si buttano via le cose dell’infanzia? Ma se si buttano via le cose dell’infanzia, con che cosa le si sostituisce? Si possono rivolgere queste domande anche direttamente ai ragazzi: cosa avete buttato o cosa buttereste? Perché? Cosa mettereste al posto delle cose buttate?

  • 4.40-7.13

Giorgia comunica ai genitori che lei da quel momento sarà una nuova Giorgia. Pensando tra sé e sé poi,  fa un elenco di tutti i motivi per cui la sua vita è un disastro: i genitori vengono dall’età della pietra e non sopportano che abbia una sua vita, la sorella è matta, il suo naso è grande quanto Giove e non avrà mai un ragazzo.


Medie - genitori: A partire da questa scena si può riflettere su come cambia il rapporto genitori figli, sulle difficoltà nell’accettarsi per come si è e sulla sensazione presente nei ragazzi che le cose non si modificheranno mai (concetto del tempo in adolescenza).

 

Il comportamento dei maschi

  • 7.35-7.42

Un gruppo di ragazzi fa una fiammata con una scoreggia e Giorgia commenta: “I ragazzi sono un vero mistero”.

Medie: Brevissima scena che però ben rappresenta il comportamento dei ragazzi e le reazioni delle ragazze. Si può riflettere sul “mistero” che divide maschi e femmine.

 

Il corpo sessuato

  • 7.53-8.07

I ragazzi, all’entrata a scuola, si girano a guardare una ragazza con il seno già molto sviluppato.


Medie: Riflessioni sulle differenze nello sviluppo. Alle medie alcuni sono più grandi, altri devono ancora crescere. Come si sentono gli uni e gli altri. L’importanza di piacere all’altro sesso.

 

Il gruppo di amici: sostegno e confronto

  • 8.21-8.55

Giorgia trova nel suo gruppo di amiche un sostegno importante per affrontare le "fatiche" scolastiche e un riferimento per confrontarsi su alcune curiosità sessuali:  i diversi livelli del bacio e fanno una prova per capire cosa si prova a farsi toccare le tette.


Medie - inseganti: Il gruppo delle amiche. Le prime curiosità sulla sessualità spesso si confidano in gruppo, a volte si fanno delle esperienze insieme, e spesso sono solo le amiche a dare delle risposte.

 

I primi approcci: insicurezze

  • 14.29-18.10 

Jaz e Giorgia decidono di andare nel negozio dove lavorano i due ragazzi di cui sono innamorate e sono molto agitate per la riuscita di questo incontro. Le cose stanno andando abbastanza bene, quando arriva la mamma di Giorgia che le fa fare una figuraccia, raccontando a tutti che le mele le fanno fare le puzzette.

19.28-21.50
Giorgia, dopo avere visto Robbie con la più carina della scuola, si sfoga con le sue amiche: “Dei ragazzi ne ho fin sopra alle orecchie…. Non potrei mai competere con Lindsey!”.

Il gruppo delle amiche decide allora di andare a spiare Lindsey per capire quali sono le cose che piacciono ai ragazzi.

51.05-54.08
Per non essere troppo bianca e per piacere a Robbie, Giorgia si mette una crema autoabbronzante, che le fa diventare le gambe decisamente arancioni. Quando Robbie in piscina vede come si è conciata si mette a ridere, ma poi la bacia.

1.16.30-1.20.02
Per diventare “nuova”, Giorgia si tinge i capelli sbagliando completamente la tinta e fa un’altra figuraccia con Robbie, che però si mette nuovamente a ridere.

29.04-29.17
L’amica di Giorgia vede il ragazzo che le piace e commenta il suo fisico da sballo


Medie: Si può riflettere sulla fatica di vivere un primo appuntamento, su quanto ci si senta imbarazzati e sulle paure che si possono avere di non piacere o di non essere adeguati.
Si può poi riflettere su ciò che piace ai ragazzi e alle ragazze. Si può riflettere sull’opportunità o meno di modificare se stesse per piacere ai ragazzi. Si può chiedere ai ragazzi se a loro piace una ragazza “modificata”.
L’episodio dell’autoabbronzante si può interrompere nel momento in cui il ragazzo scopre  che Giorgia ha le gambe arancioni e si può chiedere ai ragazzi come andrà a finire la scena, cosa farà Robbie di fronte alla figuraccia di Giorgia. Una volta scoperto che al ragazzo Giorgia piace lo stesso, si può riflettere su quali sono le cose che piacciono ai ragazzi.
Si può poi parlare di quali sono gli stereotipi del ragazzo che piace e della ragazza che piace: che caratteristiche devono avere? Assomigliano a Giorgia? Come mai allora alla fine Robbie preferisce Giorgia a Lindsey?

 

Il bacio

  • 22.53-25.44

Giorgia, per sentirsi pronta, decide di andare a “scuola di bacio”: un ragazzo si presta dietro pagamento a insegnare a baciare alle inesperte.


Medie: Riflessioni sul fatto che si pensa tanto alla sessualità, ma si dimentica che il bacio è il primo importante contatto di intimità con l'altro e che può suscitare molte insicurezze. Riflessioni sulla scelta di Giorgia di andare a “scuola di bacio”.

 

La differenziazione dai genitori

  • 25.55-28.07

Giorgia dice ai genitori che loro non la capiscono perché appartengono al medioevo.
Quando il padre le comunica che sta per andare per un lungo periodo in Nuova Zelanda, Giorgia pensa solo a quali vantaggi può ottenere da quell’assenza.


Genitori: Ci sono dei momenti in cui sembra che ai ragazzi importi solo di loro stessi e che considerino i genitori delle specie di strumenti, utili solo a procurarsi quello che gli interessa. Sensazioni e osservazioni. 

 

L'amore e il gruppo di amici

  • 41.32-44.11

Jaz è innamorata e Giorgia si sente trascurata


Medie - superiori: Cosa succede al gruppo di amiche/amici quando uno dei suoi componenti si innamora? Può capitare che il gruppo (o un/a amico/a) si senta tradito? Perché? Quanto cambia una persona quando si innamora? Come si comporta nei confronti degli amici? Perché?

 

Allegati
Azioni sul documento
« giugno 2019 »
giugno
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930