Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Bandi di gara e contratti Bandi di gara Procedura Aperta PI 077917-21 per Servizio di help desk informatico e gestione tecnica delle stazioni di lavoro per le seguenti Aziende Sanitarie: AOU BO, IOR; AUSL BO, AUSL Imola, AUSL FE, AOU FE - Pubblicata su Guri 27 del 08/03/2021
Azioni sul documento

Procedura Aperta PI 077917-21 per Servizio di help desk informatico e gestione tecnica delle stazioni di lavoro per le seguenti Aziende Sanitarie: AOU BO, IOR; AUSL BO, AUSL Imola, AUSL FE, AOU FE - Pubblicata su Guri 27 del 08/03/2021

Data di pubblicazione: 08/03/2021 09:55

In data 10/03/2021 pubblicato chiarimento. In data 15/03/2021 pubblicati chiarimenti. In data 23/03/2021 pubblicato chiarimento. In data 01/04/2021 pubblicati chiarimenti. In data 12/04/2021 pubblicati chiarimenti. In data 16/04/2021 pubblicati chiarimenti e allegato.

Categoria di gara : beni e servizi
Tipologia di gara : procedura aperta
Termini di partecipazione aperti fino al : 04-05-2021
Indirizzo e-mail : servizio.acqusti@pec.ausl.bologna.it
Importo : € 12.960.000,00 IVA esclusa
Articolo e informazioni complementari

Chiarimenti pubblicati in data 16/04/2021

Quesito:

Con riferimento al documento Allegato D (Schema indicazioni Offerta Tecnica), si chiede se è possibile creare dei documenti Allegati alla relazione, da considerare comunque come parte integrante della stessa. Come esempio si citano le schede dei curriculum, da inserire in un allegato alla sezione “Curriculum” (punto 2 dell’Allegato D).         

Risposta:

La risposta è affermativa ma si ribadisce che non è ammessa la presentazione di materiale illustrativo (depliant o altro).

 

Quesito:

Per un’appropriatezza definizione del servizio di manutenzione full-risk si chiede di conoscere l’elenco e la tipologia delle stampanti, ed in particolare dei plotter dedicati alla AUSL Bologna ed AOU Bologna.

Risposta:

Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. In particolare si ribadisce che non vengono fornite informazioni dettagliate sulla consistenza in termini di marche e modelli delle apparecchiature, della configurazione in termini di dotazione delle singole attrezzature in quanto il servizio fornito dovrà essere indipendente da parametri specifici riguardanti la costituzione e la configurazione del parco attrezzature e dalla eventuale variazione nel tempo di tali parametri e della numerosità complessiva delle attrezzature.

Si ritiene inoltre quanto riportato nei paragrafi relativi ai dati quantitativi sul parco attrezzature, sufficiente per una valutazione macroscopica del parco oggetto del servizio richiesto.

Il servizio deve essere indipendente da tali dati di dettaglio in quanto il rinnovo tecnologico, che prevede una progressiva sostituzione delle stazioni di lavoro obsolete, tende a ridurre nel tempo i costi di manutenzione anche a fronte di un incremento complessivo del numero di attrezzature installato, sia perché il nuovo è gestito in garanzia, sia perché il rinnovo tecnologico tende a massimizzare il livello di standardizzazione, anche introducendo, a volte, soluzioni di noleggio gestite.

 

Quesito:

Per i lotti 2, 3 4 si richiede indicazione degli strumenti attualmente utilizzati per software distribution, distribuzione patch di sicurezza, asset management, controllo remoto, trouble ticketing e sistema CTI (computer telephony integration).

Per il lotto 2 indicazione del sistema impiegato come antivirus.

Risposta:

Lotto 2

Sono attualmente in uso per la gestione del parco attrezzature i seguenti software e sistemi.

software distribution: OCS Inventory, distribuzione patch di sicurezza: WSUS, asset management: OCS Inventory, controllo remoto: VNC, DameWare, Guacamole, trouble ticketing: di proprietà ditta esterna, sistema CTI: Openscape , Antivirus: SOPHOS.

Lotto 3

Sono attualmente in uso per la gestione del parco attrezzature i seguenti software e sistemi.

per le attività di software distribution, distribuzione patch di sicurezza e asset management è utilizzata il software Kaspersky Security Center versione 13 con licenze Advanced. Per il controllo remoto è utilizzata la piattaforma Guacamole ed il collegamento tramite VNC. Il software di trouble ticketing è fornito dalla ditta attualmente fornitrice del servizio di Helpdesk. Non sono presenti  sistemi CTI veri e propri, ma solo l’installazione, su un ristretto numero di client, di un software per remotizzare la risposta telefonica di alcuni operatori di call center.

Lotto 4

Sono attualmente in uso per la gestione del parco attrezzature i seguenti software e sistemi: software distribution, distribuzione patch di sicurezza: Wsus 2012 e il Kaspersky Security Center versione  licenze Advanced, asset management: OCS fornito e gestito dalla ditta attualmente fornitrice, in più vengono usati un DB Access e diversi cartelle Excel, Controllo remoto: UltraVnc, Kaspersky Security Center, trouble ticketing è fornito dalla ditta attualmente fornitrice del servizio di Helpdesk. Non sono presenti sistemi CTI .

 

Siamo a chiedere i seguenti 8 quesiti:

1)In riferimento al requisito di partecipazione di capacità tecnica e professionale previsto al punto 7.3 del Disciplinare di gara,  siamo a richiedere come interpretare il termine “ ovvero”  previsto in riferimento ai contratti analoghi.

Ad esempio: per il lotto 1 si chiede di chiarire se il possedere almeno 2 servizi analoghi per tipologia dimensione non inferiore a un importo annuo complessivo di Euro 300.000,00, ovvero 1 contratto del valore annuo di Euro 300.000,00. E’ corretto considerare le due ipotesi come alternative.

2)Per Lotti 2,3,4 si richiede la possibilità di avere la % degli interventi on-site rispetto alla totalità delle chiamate ricevute dal HD2

3)% delle PDL sulle quali non è possibile aggiornare il SO e patch da remoto e quindi è indispensabile l'intervento on-site

4)Se è possibile saper la divisione % delle chiamate in criticità alta, media e ordinaria

5)Se l'installazione del nuovo HW identificato come massimo del 15 % sul totale è già incluso nelle attività di installazione HW riportate nelle tabelle

6)Gli aggiornamenti dei sistemi operativi a Win 10, sono comprese nelle chiamate indicate negli specchietti ?

7)Le attività SW indicate negli specchietti sono eseguite tutte remotamente o necessitano di attività on-site ?

8)Piattaforma GDPR MultiOS in uso

 

Nel seguito le 8 risposte:

1) Si.

2)

Lotto 2:La percentuale degli interventi on-site allo stato attuale è di circa il 20% del totale.

Lotto 3:La percentuale degli interventi on-site allo stato attuale è di circa il 25% del totale.

Lotto 4:La percentuale degli interventi on-site allo stato attuale è di circa il 30% del totale.

3)Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi suddetti sufficiente per una stima della informazione richiesta.

4)Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi relativi ai dati quantitativi sul parco attrezzature, sufficiente per una valutazione macroscopica del parco oggetto del servizio richiesto.

5)Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Le informazioni riportate nei paragrafi suddetti sono relative a tutte le attività che vengono attualmente svolte comprese le installazioni di nuovo hardware. A tal proposito si specifica che in nessuna parte della documentazione è individuato un massimo di installazioni di nuovo hardware.

6)Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Le informazioni riportate nei paragrafi suddetti sono relative a tutte le attività che vengono attualmente svolte compresi eventuali aggiornamenti dei sistemi operativi.

7)Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si specifica che qualsiasi attività o risoluzione della segnalazione che non sia effettuabile da remoto viene svolta on-site.Si veda anche la risposta al quesito precedente.

8)Attualmente Non è in uso alcuna piattaforma GDPR MultiOS.

 

Quesito:

Al fine di avere gli elementi necessari per dimensionare opportunamente il servizio si richiede per tutti i 4 (quattro) lotti di:

a) avere indicazione del numero delle sedi per ogni Ente ed indicazione del numero di postazioni di lavoro su tali sedi (così come specificato per la USL di Imola);

b) dare evidenza del numero di chiamate chiuse “on first call” dal primo livello di Help Desk;

c) dare evidenza del numero di chiamate chiuse al primo livello di Help Desk che non necessitano interventi da parte del supporto di secondo livello;

d) conoscere la distribuzione delle chiamate ricevute nelle fasce orarie indicate nel Capitolato Speciale, riferite all’ultimo anno.

e) conoscere la suddivisione per tipologia delle chiamate (solo per il lotto 2).

Risposta:

a) Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi suddetti sufficiente per una valutazione macroscopica del parco oggetto del servizio richiesto. Il servizio deve essere indipendente dal numero effettivo di attrezzature disponibili in quanto il rinnovo tecnologico, che prevede una progressiva sostituzione delle stazioni di lavoro obsolete, tende a ridurre nel tempo i costi di manutenzione anche a fronte di un incremento complessivo del numero di attrezzature installato, sia perché il nuovo è gestito in garanzia, sia perché il rinnovo tecnologico tende a massimizzare il livello di standardizzazione

b)Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi suddetti sufficiente per una stima della informazione richiesta.

c) Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi suddetti sufficiente per una stima della informazione richiesta

d) Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi suddetti sufficiente per una stima della informazione richiesta

e) Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi suddetti sufficiente per una stima della informazione richiesta.

 

Quesito:

Si chiede di confermare che non è subappalto l’eventuale subcontratto affidato dall’aggiudicatario a soggetti terzi nel quale non sia presente anche solo una delle due condizioni di valore e di incidenza della manodopera che invece devono sussistere congiuntamente affinché si configuri il subappalto (Art. 105– comma 2, secondo capoverso, del D.Lgs n. 50/2016 e smi), circostanza peraltro confermata dalla Giurisprudenza secondo cui le due condizioni di cui alla predetta disposizione debbano sussistere non alternativamente, ma cumulativamente per aversi subappalto (Recentemente : T.A.R. Liguria, Sez. II, 13 agosto 2019, n. 702 - TAR Venezia, 13.02.2020 n. 153).   

Risposta:

Si rimanda alle indicazioni previste dall'articolo 105 del D.lgs 50/2016 e s.m.i.

 

Quesito:

Si chiede di confermare se la scrivente possa utilizzare, per la esecuzione di tutte o parte delle prestazioni contrattuali, una società dalla stessa interamente partecipata, soggetta all’esercizio dell’attività di direzione e coordinamento da parte della scrivente medesima (attività che si estrinseca nell’impartire direttive e nell’applicare apposite procedure di Gruppo dirette a indirizzarne la gestione e a garantirne il controllo), fermi restando il possesso in capo alla suddetta società dei requisiti di ordine generale e la permanenza in capo alla scrivente della titolarità del rapporto contrattuale nonché della integrale responsabilità per la regolare esecuzione delle prestazioni subaffidate. Si chiede, quindi, di confermare che, al ricorrere delle anzidette condizioni, non essendo configurabile nessuna alterità sostanziale tra la scrivente e la società interamente controllata, l’affidamento a quest’ultima delle prestazioni non è configurabile come subappalto e non soggiace quindi alle limitazioni previste dall’art. 105 del d.lvo n. 50/16, ivi comprese quelle relative al valore massimo sub affidabile.

Risposta:

Se la società partecipata  ha comunque personalità giuridica distinta si ritiene che siano applicabili le regole del subappalto.

 

Quesito:

Atteso che:

- la Corte di Giustizia UE , nelle pronunce del 26/09/2019 in causa C-63/18 e del 27/11/2019 in causa C-402/18, ha ritenuto incompatibili con il diritto comunitario i limiti al subappalto stabiliti ai commi 2 e 14 dell’art. 105 del D.Lgs. n. 50/2016 e s.m.i.;  
- sulla scorta di tali pronunce, il Consiglio di Stato, nella sentenza n. 8101 del 17 dicembre 2020, ha disapplicato la disposizione recante limite percentuale al subappalto in quanto incompatibile con l’ordinamento UE (17. Con il quinto motivo riproposto, le società deducono la violazione dell’Art. 105 del Codice dei Contratti Pubblici, in quanto la quota del servizio che xxxx intende subappaltare eccede il limite del 30% fissato dalla norma citata. 17.1 Il motivo è infondato, posto che la norma del Codice dei Contratti Pubblici che pone limiti al subappalto deve essere disapplicata in quanto incompatibile con l’ordinamento Euro-Unitario, come affermato dalla Corte di Giustizia (Corte di Giustizia U.E., Sezione Quinta, C-63/18 del 26/09/2019; Id. C-402/18 del 27/11/2019); in termini Consiglio di Stato,V,16 Gennaio 2020 n. 389, che ha puntualmente rilevato come – i limiti ad esso relativi (30% dell’importo complessivo del contratto di lavori, servizi o forniture, secondo la formulazione del comma 2 della disposizione richiamata applicabile ratione temporis, […]), deve ritenersi superato per effetto delle Sentenze della Corte di Giustizia dell’Unione Europea), si chiede conferma a codesta spettabile Amministrazione della non applicabilità di un limite percentuale al subappalto.

Risposta:

Attualmente il limite normativo per il subappalto è del 40% - Legge 14 giugno 2019, n. 55.

 

Quesito:

Rispetto ai volumi delle apparecchiature indicati nel Capitolato Tecnico di Gara, relativamente a "PC, stampanti, plotter ed altri apparati" per i quali è richiesta la manutenzione full risk, al fine di poter quantificare adeguatamente i costi del servizio per tutti i lotti, si chiede di precisare le quantità (o almeno le percentuali) delle apparecchiature in garanzia riportando l'indicazione della relativa scadenza.

Risposta:

Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. In particolare si ribadisce che non vengono fornite informazioni dettagliate sulla consistenza in termini di marche e modelli delle apparecchiature, della configurazione in termini di dotazione delle singole attrezzature in quanto il servizio fornito dovrà essere indipendente da parametri specifici riguardanti la costituzione e la configurazione del parco attrezzature e dalla eventuale variazione nel tempo di tali parametri e della numerosità complessiva delle attrezzature.

Si ritiene inoltre quanto riportato nei paragrafi relativi ai dati quantitativi sul parco attrezzature, sufficiente per una valutazione macroscopica del parco oggetto del servizio richiesto.

Il servizio deve essere indipendente da tali dati di dettaglio in quanto il rinnovo tecnologico, che prevede una progressiva sostituzione delle stazioni di lavoro obsolete, tende a ridurre nel tempo i costi di manutenzione anche a fronte di un incremento complessivo del numero di attrezzature installato, sia perché il nuovo è gestito in garanzia, sia perché il rinnovo tecnologico tende a massimizzare il livello di standardizzazione, anche introducendo, a volte, soluzioni di noleggio gestite.

 

Quesito:

Con riferimento alle richieste del Capitolato Tecnico per lo smaltimento certificato delle apparecchiature (servizio RAEE) si chiede indicazione delle quantità medie annue (o almeno le percentuali) da smaltire per ogni tipologia di apparecchiatura (o complessivamente).

Risposta:

Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. Si ritiene quanto riportato nei paragrafi suddetti sufficiente per una stima della informazione richiesta.

 

Quesito:

Relativamente alle 64 risorse in clausola sociale indicate nell’allegato H - Elenco personale attualmente impiegato nel servizio, si prega di fornire le seguenti informazioni: tipologia di contratto (indeterminato, determinato - part time/full time), scatti di anzianità, data assunzione, ore settimanali impiegate esclusivamente nel servizio, RAL, sede di lavoro, presenza di sgravi, data di scadenza degli stessi, legge 68/99 (etc.). Si chiede inoltre di indicare chi eventuale percepisce ulteriori benefit e il relativo importo.

Risposta: Vedi allegato con integrazione dei dati richiesti.

 

Quesito:

Si chiede conferma degli inquadramenti contrattuali del «personale attualmente impiegato, indicato nell’Allegato H». In particolare modo si chiede conferma che il personale inquadrato come 2° e 3° livello del CCNL MULTISERVIZI sia impiegato nelle attività di help desk informatico, assistenza tecnica ed attività di Desktop Managementt

Risposta:

Si specifica che gli operatori inquadrati al secondo livello svolgono prevalentemente attività di help desk telefonico, mentre al terzo livello gli operatori si dedicano prioritariamente all'assistenza tecnica e ad attività di desktop management.

 

Quesito:

In merito alla Clausola Sociale indicata al punto 24 del Disciplinare di gara ed all’elenco pubblicato nell’ allegato H, si chiede di indicare l’ anzianità lavorativa del personale impiegato ed inoltre si chiede se qualcuno usufruisce di trattamento individuale di merito

Risposta: Vedi allegato con integrazione dei dati richiesti.

 

Quesito:

In considerazione dell’ART 24. CLAUSOLA SOCIALE E ALTRE CONDIZIONI PARTICOLARI DI ESECUZIONE del Disciplinare di Gara e dell’Allegato H (elenco del personale attualmente impiegato) si chiede di conoscere la retribuzione annua lorda (RAL) del personale attualmente impiegato. Tale informazione si rende necessaria per consentire a tutti i partecipanti di avere le stesse possibilità di calcolare il costo del personale da impiegare potenzialmente nell’erogazione dei servizi richiesti.

Risposta: Vedi allegato con integrazione dei dati richiesti.

 

Quesito:

In merito alla clausola sociale, si richiede se il CCNL di riferimento sia quello per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi stipulato il 31/05/2011 le cui parti contraenti sono: Fise-Anip, Legacoopservizi, Federlavoro e servizi- Confcooperative, Unionservizi Confapi, Agci Servizi, e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil. Inoltre, al fine di garantire il miglior posizionamento commerciale dell’offerta, per il personale della ditta uscente, oltre ai livelli contrattuali, si richiede l’indicazione di eventuali superminimi, trattamenti ad personam, ticket e/o di altre componenti retributive incidenti sul costo aziendale. Si richiede inoltre l’indicazione del valore del RAL (reddito annuale lordo) attuale di ciascuna risorsa.

Risposta: Vedi allegato con integrazione dei dati richiesti.

 

Quesito:

Si chiede conferma degli inquadramenti contrattuali del «personale attualmente impiegato, indicato nell’Allegato H». In particolare modo si chiede conferma che il personale inquadrato come 2° e 3° livello del CCNL MULTISERVIZI sia impiegato nelle attività di helpdesk informatico, assistenza tecnica ed attività di Desktop Management.

Risposta:

Si specifica che gli operatori inquadrati al secondo livello svolgono prevalentemente attività di help desk telefonico, mentre al terzo livello gli operatori si dedicano prioritariamente all'assistenza tecnica e ad attività di desktop management.

Chiarimenti pubblicati in data 12/04/2021

Quesito:

Si prega di chiarire come far compilare il DGUE sul portale alle imprese mandanti, posto che la mandataria è l’unica impresa registrata sul portale e pertanto all’atto della compilazione sull’interfaccia della gara il DGUE presenta già i dati della mandataria precompilati.

Risposta:

Le imprese mandanti possono compilare e caricare a sistema  il DGUE di cui allo schema allegato al DM del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 18 luglio 2016 o successive modifiche.

 

Quesito:

Si chiede cortese evidenza del calcolo della manodopera compiuto dalla stazione appaltante che ha determinato la stima delle seguenti percentuali indicative:Lotto 1 - 74% della Base d’asta; Lotto 2 - 74% della Base d’asta;Lotto 3 - 75% della Base d’asta;Lotto 4 - 75% della Base d’asta.

Risposta:

Si rimanda a quanto indicato nel disciplinare.

 

Quesito:

In riferimento al paragrafo 6.6 Full-Risk, al fine di poter quotare correttamente il canone necessario alla manutenzione full-risk per il parco stampanti, si chiede di specificare per ogni lotto, la numerosità di interventi effettuati nell’anno 2020 per la sostituzione di fusori, DRUM e gruppi immagine delle stampanti.

Risposta:

Si confermano i dati qualitativi macroscopici riportati al par 5 pag 18/78 e segg. del Capitolato Speciale. In particolare si ribadisce che non vengono fornite informazioni dettagliate sulla consistenza in termini di marche e modelli delle apparecchiature, della configurazione in termini di dotazione delle singole attrezzature in quanto il servizio fornito dovrà essere indipendente da parametri specifici riguardanti la costituzione e la configurazione del parco attrezzature e dalla eventuale variazione nel tempo di tali parametri e della numerosità complessiva delle attrezzature.

Si ritiene inoltre quanto riportato nei paragrafi relativi ai dati quantitativi sul parco attrezzature, sufficiente per una valutazione macroscopica del parco oggetto del servizio richiesto.

Il servizio deve essere indipendente da tali dati di dettaglio in quanto il rinnovo tecnologico, che prevede una progressiva sostituzione delle stazioni di lavoro obsolete, tende a ridurre nel tempo i costi di manutenzione anche a fronte di un incremento complessivo del numero di attrezzature installato, sia perché il nuovo è gestito in garanzia, sia perché il rinnovo tecnologico tende a massimizzare il livello di standardizzazione, anche introducendo, a volte, soluzioni di noleggio gestite.

Chiarimenti pubblicati in data 01/04/2021:

Quesito:

Con riferimento alla clausola sociale per 64 risorse e al Servizio da erogare relativamente al HD di 1 e 2 livello, si chiede di confermare che la parte di Servizio di HD 1 Livello può essere correttamente erogato da remoto (e, nel caso di specie attuale, in smart working), anche remotizzato su Sedi del Fornitore dislocate sul Territorio Nazionale. In caso di risposta affermativa, si chiede inoltre di indicare, distintamente per ognuno dei 4 lotti, il numero di risorse che erogano esclusivamente servizio HD di 1° livello, il cui servizio possa pertanto essere correttamente erogato da remoto.

Risposta:

Lotto 1 AUSLBO. Si conferma quanto riportato a pagina 41/78 del Capitolato speciale: "Il call center e le relative infrastrutture sono a carico del fornitore e dovranno essere collocate in spazi al di fuori dei locali dell’Azienda Usl di Bologna. La infrastruttura di call center deve comprendere la connettività internet, adeguatamente dimensionata, che permetterà agli operatori di entrare in rete AUSLBO per le attività di assistenza e manutenzione. AUSLBO metterà a disposizione il collegamento in fonia tra i locali del call center e gli utenti del servizio."

In particolare il collegamento in fonia che AUSLBO metterà a disposizione sarà verso un singolo punto di contatto telefonico. (Capitolato Speciale per. 6.7.1.1).

Per quanto riguarda il numero di risorse si conferma quanto riportato al paragrafo 4.7.1 pag 14/78 del Capitolato Speciale.

Lotto 1 AOSPBO Il servizio di HD 1 livello NON può essere erogato da remoto (Capitolato Speciale par 4.7.2 pag 14/78)

Lotto 2 - AULSFE e AOSPFE Il servizio di HD 1 livello NON può essere erogato da remoto (Capitolato Speciale par 4.9.1 pag 16/78)

Lotto 3 - IOR. Il servizio di HD 1 livello NON può essere erogato da remoto (Capitolato Speciale par 4.9.2 pag 16/78)

Lotto 4 -AUSLIMO. Il servizio di HD 1 livello NON può essere erogato da remoto (Capitolato Speciale par 4.9.3 pag 17/78)

Quesito:

Con riferimento al requisito 7.3 n) “Possesso/disponibilità nel proprio organico di almeno un tecnico in possesso della seguente certificazione: Microsoft nel ruolo di amministratore di prodotti Windows” ove si indica che “La ditta che intende presentare offerta per più lotti, dovrà essere in possesso di tale requisito per ogni lotto per il quale intende presentare offerta. (Es. la ditta che partecipa a due lotti dovrà avere due tecnici in possesso di tale certificazione)”, e in relazione al fatto che, in caso di partecipazione in RTI è richiesto che detto requisito sia posseduto da almeno un’impresa, si chiede se si intende soddisfatto il requisito nel caso in cui il RTI partecipi a due lotti, e ciascuna impresa sia in possesso di una certificazione (per un totale di 2).

Risposta:

Si conferma quanto indicato nel disciplinare

 

Quesito:

Si prega di confermare che l’importo della cauzione provvisoria può essere ridotto del 20% per possesso di certificazione ambientale (da parte di almeno una delle imprese del RTI) ai sensi della norma UNI EN ISO 14001, e che tale riduzione sia cumulabile con la riduzione del 50% per possesso di Certificazione del Sistema di Qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000

Risposta:

Si rimanda a quanto indicato nel disciplinare art. 10 “L’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto secondo le misure e le modalità di cui all’art. 93, comma 7 del Codice.”

 

Quesito:

Con riferimento all’imposta di bollo, si richiede se in alternativa a quanto previsto dal disciplinare, si possa allegare all’interno della documentazione di gara la quietanza di pagamento dell’imposta di bollo tramite modulo F24 con allegata dichiarazione del Legale rappresentante che l’imposta assolve alle finalità di partecipazione alla procedura.

Risposta:

Si rimanda a quanto indicato nel disciplinare

 

Quesito:

Si prega di chiarire se la compilazione del DGUE tramite l’interfaccia presente sul portale di gara sia obbligatoria, o in alternativa si possa presentare un DGUE compilato in word secondo il modello di legge, poi trasformato in pdf e firmato. Nel caso in cui sia obbligatorio compilare il DGUE sul portale, si prega di chiarire come farlo compilare alle imprese mandanti, posto che la mandataria è l’unica impresa registrata sul portale e pertanto all’atto della compilazione sull’interfaccia della gara il DGUE presenta già i dati della mandataria precompilati.

Risposta:

La compilazione del DGUE tramite l’interfaccia presente sul portale è consigliata per evitare problemi derivanti dalla piattaforma in sede di invio dell’offerta.

 

Quesito:

Ove si richiede, tra la documentazione amministrativa, “Documentazione attestante i requisiti di capacità tecnica-professionale meglio descritti all’art.7.3 del presente disciplinare” si intende una dichiarazione riportante l’elenco dei fatturati che compongono il requisito 7.3 lett. g? Bisogna includere informazioni circa i requisiti 7.3 j e n?

Risposta:

Si intendono tutti i requisiti richiesti all’art. 7.3 lettere g, j e n

 

Quesito:

Si richiede se, in caso di partecipazione in raggruppamento costituendo, i seguenti documenti: DUVRI, Documentazione attestante i requisiti di capacità tecnica-professionale meglio descritti all’art.7.3, Descrizione attività di trattamento dei dati personali, Istruzioni operative attività trattamento, vadano compilati e sottoscritti singolarmente da ciascuna azienda con le proprie informazioni.

Risposta:

Si conferma.

 

Quesito:

LOTTO 3: La fornitura delle parti di ricambio relative alle attrezzatture informatiche sono a carico del fornitore o del committente?

Risposta:

La fornitura delle parti di ricambio relative alle attrezzature informatiche è a carico del fornitore così come specificato nel paragrafo 6.6 Full-risk.


Chiarimento pubblicato in data 23/03/2021

Quesito:

Atteso che la possibilità di ricorso ad un Raggruppamento di tipo “verticale” è ammessa nel Disciplinare a pagina 13 (“Il requisito relativo al fatturato 7.3 lett. g) deve essere posseduto:… Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale il requisito deve essere posseduto dalla mandataria”), e considerato quanto indicato nel Disciplinare a pagina 11 in riferimento alla percentuale di costi della manodopera (Ai sensi dell’art. 23, comma 16, del Codice l’importo posto a base di ogni singolo lotto comprende i costi della manodopera che la stazione appaltante ha stimato pari alle seguenti percentuali indicative; Lotto 1 - 74% Lotto 2 – 74% Lotto 3 – 75% Lotto 4 – 75% … ) si chiede di confermare che la prestazione principale dell’appalto è costituita dalla manodopera necessaria per la realizzazione dei team specializzati on-site per ciascuna Azienda e quella secondaria è costituita dai restanti servizi accessori.

Risposta:

La prestazione principale dell’appalto è il servizio di help desk informatico e gestione tecnica delle stazioni di lavoro nel suo complesso, la manodopera indicata è pertanto riferita a tale servizio.

Chiarimenti pubblicati in data 15/03/2021

Quesito:

I CIG non sono stati perfezionati all'interno del portale www.anticorruzione.it; pertanto non è possibile effettuare i versamenti dei contributi dovuti. Attendiamo Vs. riscontro.Cordiali saluti.    

Risposta:

Da una verifica effettuata i CIG risultano regolarmente perfezionati in data 04.03.2021.

Quesito:

Buongiorno, la domanda di partecipazione non indica i lotti per i quali è possibile partecipare, inoltre comprende le dichiarazioni integrative richieste nell’art. 15.3.1 del disciplinare che, In caso di partecipazione in costituendo R.T.I. devono essere firmate singolarmente da ogni singolo componente.Attendiamo un Vs. riscontro

Risposta:

L’operatore economico può partecipare a tutti i lotti, se in possesso dei requisiti previsti  nei documenti di gara, per ciascun lotto.

Le modalità di costituzione della documentazione sono dettagliatamente indicate nel disciplinare.

Quesito:

Si chiede di confermare che, il requisito di capacità tecnica e professionale indicato nell’Art. 7.3 punto g) del disciplinare di gara, possa essere comprovato anche attraverso la presentazione delle fatture quietanzate.

Risposta:

La comprova delle capacità tecniche professionali di cui all’ art. 7.3 punto g), può essere comprovata con ogni mezzo (art.86 e allegato XVII, parte II del Codice) e sarà richiesta alla ditta aggiudicataria; in sede di presentazione offerta è richiesto l’elenco con le modalità indicate nel disciplinare.

Chiarimento pubblicato in data 10/03/2021

Quesito:

A pag. 12 del Disciplinare di gara il requisito sulla ISO9001 riporta nello scopo servizi di "facility management"; chiediamo conferma che sia un refuso, intendendo "fleet management" che pare più coerente all'oggetto del bando.

Risposta:

A pag. 12 del Disciplinare di gara il requisito, nella sua interezza, sulla ISO9001 riporta, servizi di servizi di facility management, assistenza hardware e software o comunque inerenti al tipo di servizio richiesto. In particolare in questo caso i servizi di facility management, intesi come le attività organizzative che controllano tutte le attività che non riguardano il core business di un'azienda, sono quelli relativi all'assistenza hardware e software, ICT, produttività d'ufficio, utility, sicurezza, telecomunicazioni o comunque inerenti al tipo di servizio richiesto."

 

Note
procedura
« aprile 2021 »
aprile
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930