Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2010 117 cantieri edili di Bologna e Provincia ispezionati nella settimana speciale di vigilanza
Azioni sul documento
Archivio 2010

117 cantieri edili di Bologna e Provincia ispezionati nella settimana speciale di vigilanza

Data di pubblicazione: 09/06/2010 15:05

Dal 17 al 21 maggio scorsi le Aziende Usl di Bologna e Imola e la Direzione Provinciale del Lavoro di Bologna hanno effettuato una settimana speciale di vigilanza nei cantieri edili di Bologna e provincia: la sicurezza delle macchine e degli impianti elettrici migliora, ma quasi la metà dei cantieri è ancora irregolare

Ultimo aggiornamento : 30/06/2012

La settimana speciale di vigilanza dello scorso maggio segue una analoga iniziativa svolta nel mese di ottobre del 2009. I controlli, anche in questa occasione, hanno riguardato il rispetto delle norme e delle procedure di prevenzione, con particolare attenzione a quelle riferite ai rischi di caduta dall’alto, alla sicurezza delle macchine da cantiere (le principali cause di infortunio), comprese le gru, alla verifica degli impianti elettrici.

Le Aziende USL di Bologna e Imola, in particolare, hanno impiegato quasi tutti gli operatori che si occupano di sicurezza nei cantieri edili, settore che rappresenta oltre la metà del totale delle attività di vigilanza negli ambienti di lavoro: hanno partecipato complessivamente 84 operatori delle Aziende USL di Bologna e di Imola, tra medici del lavoro, tecnici della prevenzione, ingegneri, chimici, fisici, oltre che 34 ispettori della Direzione Provinciale del Lavoro.

Questi i numeri dell'operazione:

  • 117 i cantieri ispezionati, 49 dei quali in azione congiunta tra le Aziende USL e la Direzione Provinciale del Lavoro, quasi la metà dei quali, 55, sono risultati irregolari.
  • sono state controllate 290 aziende, alle quali sono state contestate 98 violazioni normative riguardanti la sicurezza.
  • 75 i verbali inviati all’autorità giudiziaria, comminate sanzioni per un totale di 110.000 euro.


Il raffronto tra quanto rilevato nel mese di maggio e lo scorso anno, consente di verificare l’incremento percentuale dei cantieri nei quali sono stati riscontrati rischi di caduta dall’alto, che salgono dal 47% al 70%. In aumento anche il numero dei verbali inviati all’autorità giudiziaria, che passano da 50 a 75. Migliora, invece, la percentuale dei cantieri nei quali sono state riscontrate irregolarità (dai 68 cantieri irregolari nell’ottobre 2009 ai 55 dello scorso maggio, con una riduzione del 5%), delle macchine e delle gru non a norma, che scendono rispettivamente dal 17% al 4%, e dal 24% al 14%, così come degli impianti elettrici (22% quelli non in regola, erano il 29%).

Circa un terzo delle violazioni riscontrate (33 su 98) hanno riguardato irregolarità organizzative ed evidenziano scarso coordinamento, sul fronte della sicurezza, tra le diverse ditte che operano all’interno di uno stesso cantiere. Al momento delle verifiche la media di dipendenti presenti nei cantieri era di 2,6 lavoratori per ciascuna delle 290 imprese interessate.

Per quanto riguarda l’attività della Direzione Provinciale del Lavoro, durante la settimana straordinaria dello scorso maggio sono stati controllati 49 cantieri, 143 aziende e 307 lavoratori, 23 dei quali irregolari (9 quelli in nero). 34 gli ispettori coinvolti, su un totale di 70 impegnati nella vigilanza in tutti i settori del lavoro, organizzati in gruppi di due unità in aggiunta al personale ispettivo delle Aziende Usl di Bologna e Imola.

La settimana speciale di vigilanza è stata promossa dal Comitato Regionale di Coordinamento, Organismo Provinciale – Sezione Permanente, che si occupa di igiene, sicurezza e regolarità del lavoro, così come previsto dal Decreto Legislativo 81/08, attraverso programmi e interventi di vigilanza coordinati e congiunti tra i diversi enti ed istituzioni interessati.

Il Comitato si è insediato nel mese di settembre del 2009 ed è composto da Azienda USL di Bologna, con compiti di coordinamento, Azienda USL di Imola, Ministero del Lavoro-Direzione Provinciale del Lavoro di Bologna, INAIL di Bologna, INPS di Bologna, ARPA di Bologna, Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro di Bologna e Comando Provinciale del Vigili del Fuoco.

Attività complessiva di vigilanza in edilizia delle Aziende Usl di Bologna e Imola


Le Aziende Usl di Bologna e Imola mettono a disposizione delle imprese e dei lavoratori edili, servizi di assistenza e informazione per la promozione della sicurezza negli ambienti di lavoro. In particolare, le imprese possono rivolgersi ai Dipartimenti di Sanità Pubblica di Bologna e Imola per ricevere tutte le informazioni necessarie per avviare e mantenere un cantiere sicuro.

Le Unità Operative di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro, inoltre, svolgono da anni attività di collaborazione didattica con l’IIPLE (Istituto Professionale Edile, Ente Bilaterale). Operatori delle Aziende USL di Bologna e Imola insegnano agli iscritti ai corsi professionali di edilizia le norme di sicurezza, con particolare attenzione ai diritti dei lavoratori in materia di sicurezza negli ambienti di lavoro.

Nel periodo gennaio 2008-maggio 2010, nel corso dell’attività ordinaria sono stati ispezionati, complessivamente, 2.074 cantieri e 5.632 imprese.

1.005 i cantieri risultati irregolari, 2.552 le violazioni contestate,1.317 i verbali inviati all’autorità giudiziaria.

Allegati
Azioni sul documento
« marzo 2021 »
marzo
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031