Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2010 La Regione Emilia Romagna capofila di un corso per medici di famiglia su reti assistenziali di cure palliative e terapia del dolore
Azioni sul documento
Archivio 2010

La Regione Emilia Romagna capofila di un corso per medici di famiglia su reti assistenziali di cure palliative e terapia del dolore

Data di pubblicazione: 24/05/2010 17:50

Il progetto approvato dalla Conferenza Stato-Regioni nel marzo dello scorso anno, vede l’Emilia-Romagna capofila delle Regioni che vi partecipano: Lazio, Veneto, Sicilia.

Ultimo aggiornamento : 30/06/2012

Al via oggi a Salsomaggiore Terme, il primo corso “Terapia del dolore in medicina generale, la formazione dei formatori”, prima fase del progetto sperimentale per la realizzazione di reti assistenziali di cure palliative e terapia del dolore in tutto il Paese.

Obiettivi del progetto

Riorganizzare e sistematizzare le diverse esperienze di lotta al dolore per realizzare reti assistenziali strutturate e integrate, garantire una maggiore facilità di accesso ai percorsi assistenziali disponibili, rafforzare l’offerta assistenziale nel territorio per gli adulti e i bambini.

A chi è rivolto il corso

I medici di famiglia sono il primo anello della rete assistenziale da sviluppare. I medici che partecipano saranno a loro volta formatori e trasferiranno conoscenze ed esperienze ai loro colleghi in modo da migliorare la prima risposta assistenziale al problema del dolore e a indirizzare, in base alla necessità, verso ambulatori e centri specializzati che costituiranno i nodi della rete.

La rete assistenziale ed il modello organizzativo

La rete assistenziale è basata su tre nodi: medici di famiglia, ambulatori di terapia antalgica, centri di riferimento per la terapia del dolore. In Emilia-Romagna sono già presenti centri di riferimento e ambulatori per il trattamento del dolore; occorre ora sviluppare il lavoro in rete e realizzare così percorsi assistenziali integrati.

Il modello organizzativo – HUB & SPOKE – è quello in atto da anni in Emilia-Romagna per l’organizzazione delle alte specialità ospedaliere: centri di alta specializzazione (HUB) per problematiche complesse assistono malati inviati dagli ospedali del territorio (SPOKE). Nel caso delle terapie del dolore gli SPOKE sono gli ambulatori di terapia antalgica, collegati con i Centri di riferimento per la terapia del dolore (HUB). I medici di famiglia indirizzano i loro assistiti agli ambulatori o ai centri a seconda delle necessità dell’assistito. Il modello organizzativo deve realizzarsi in specifiche aree territoriali, scelte da ciascuna delle quattro Regioni in base alla presenza di centri e di ambulatori di terapia del dolore, per l’identificazione dei quali sono adottati i requisiti di accreditamento elaborati dalla Regione Emilia-Romagna.

Per rispondere alle particolari necessità dei bambini è prevista un’ulteriore declinazione del modello sperimentale: una rete assistenziale basata sull’organizzazione di centri di riferimento di terapia del dolore pediatrici per problemi specialistici (con funzioni di HUB) collegati con pediatri ospedalieri e pediatri di famiglia. La formazione dei pediatri avrà una unica sede, in Veneto, in due appuntamenti, uno in giugno, l'altro in settembre. Il progetto formativo, sempre coordinato dalla Regione Emilia-Romagna, riguarderà anche le altre tre Regioni partecipanti: metodologie didattiche, contenuti e docenti saranno gli stessi in modo da poterne valutare l’impatto.

Allegati
Azioni sul documento
« marzo 2021 »
marzo
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031