Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2010 Continua l’ondata di caldo fino a martedì 26 maggio a Bologna e comuni limitrofi di pianura. Si prevede però una diminuzione delle temperature già a partire da mercoledì 27 maggio 2009
Azioni sul documento
Archivio 2010

Continua l’ondata di caldo fino a martedì 26 maggio a Bologna e comuni limitrofi di pianura. Si prevede però una diminuzione delle temperature già a partire da mercoledì 27 maggio 2009

Data di pubblicazione: 25/05/2009 15:50

Un numero verde gratuito contro il caldo, 800 562 110, attivo 24 ore su 24, sette giorni su sette

Ultimo aggiornamento : 30/06/2012

Continua l’ondata di caldo fino a martedì 26 maggio con possibili disagi per i cittadini residenti nell’area di Bologna e comuni limitrofi di pianura. Si prevede però una diminuzione delle temperature già a partire da mercoledì 27 maggio 2009
Sono stati allertati i reparti di pronto soccorso, gli ospedali, le case di cura e le strutture di assistenza per gli anziani, i medici e i pediatri di famiglia e gli infermieri dell’assistenza domiciliare dell’area metropolitana.
Un numero verde gratuito contro il caldo: 800 562 110
Telefonando al numero verde 800 562 110, attivo 24 ore su 24, sette giorni su sette, si possono ricevere informazioni sui rischi per la salute e i comportamenti da adottare in caso di ondata di calore. Per gli ultrasettantacinquenni e per gli anziani fragili, inoltre, è possibile essere inseriti nel progetto di sostegno e-Care Oldes, gestito da CUP 2000 per conto della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria e dell’Azienda Usl di Bologna. Il progetto prevede un servizio di telecompagnia con telefonate a frequenza settimanale, attività di socializzazione presso strutture ricreative, eventuali interventi di assistenza a domicilio.

Disponibile, inoltre, per informazioni il numero verde del Servizio Sanitario Regionale 800 033 033 (gratuito e attivo tutti i giorni feriali, dalle ore 8,30 alle ore 17,30, il sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,30).

Tra le precauzioni per affrontare le ondate di calore: bere molto e spesso anche quando non si ha sete, evitando bibite gassate o contenenti zuccheri e, in generale, bevande ghiacciate o fredde; evitare alcol e caffeina; fare bagni o docce con acqua tiepida per abbassare la temperatura corporea; utilizzare climatizzatori, regolando la temperatura dell’ambiente con una differenza di non più di 6/7 gradi rispetto alla temperatura esterna; se si usano ventilatori per far circolare l’aria, evitare di rivolgerli direttamente sul corpo.

Particolare attenzione va prestata nei confronti dei bambini molto piccoli, degli anziani con patologie croniche (ad esempio i diabetici che devono assumere insulina o i soggetti con scompenso cardiaco), di chi ha difficoltà ad orientarsi nel tempo e nello spazio e delle persone non autosufficienti. Attenzione anche per gli anziani che vivono da soli e le persone che lavorano all’aperto o in ambienti nei quali c’è produzione di calore.
L’ondata di calore provoca vari disturbi, tra i quali la diminuzione della pressione del sangue, dando luogo a senso di debolezza, vertigini, annebbiamento della vista. È utile in questi casi sdraiarsi e sollevare i piedi.

Allegati
Azioni sul documento
« marzo 2021 »
marzo
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031