Cerca

Screening del colon-retto. A ‘Liberi dentro’ il percorso di prevenzione

Pubblicato il 01/12/2021
Prevenire il tumore al colon-retto è semplice. Ne parliamo con Vincenzo Cennamo, Direttore della Gastroenterologia e del Dipartimento Chirurgie Generali

Mercoledì 1 dicembre in onda su Liberi dentro – Eduradio&tv, la rubrica sui temi della salute e della prevenzione curata dall’Equipe sanitaria del carcere Dozza approfondisce il tema del tumore al colon-retto e dei test di screening offerti gratuitamente alle categorie più a rischio: le persone tra i 50 e i 69 anni di età.

A parlarne insieme all’educatrice del carcere Agnese Drusiani sarà il direttore della Gastroenterologia e del Dipartimento di Chirurgie Generali dell’Azienda USL Vincenzo Cennamo.

I fattori di rischio noti per il tumore al colon retto sono legati alla dieta, ai geni e ad altri fattori non ereditari. Per molto tempo il tumore può rimanere asintomatico, ma grazie ai programmi di screening, è possibile una diagnosi precoce così da poterlo prevenire e curare tempestivamente.

Il test di screening consiste nella raccolta di un campione di feci che viene analizzato per rintracciare tracce di sangue non visibili. Se il campione dovesse risultare positivo si procede con una colonscopia che oggi è un esame assolutamente indolore, al contrario di come si crede.