Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2013 Pagamenti in sanità, l’Assemblea legislativa approva il progetto di legge della Giunta che sblocca 448 milioni
Azioni sul documento
Archivio 2013

Pagamenti in sanità, l’Assemblea legislativa approva il progetto di legge della Giunta che sblocca 448 milioni

Data di pubblicazione: 03/07/2013 11:37

Rispetto al testo uscito dalla Giunta, la Regione ha provveduto ad un aumento di 24 milioni di euro di liquidità, grazie ad un nuovo riparto nazionale di cui l’Emilia-Romagna ha beneficiato

Ultimo aggiornamento : 26/07/2013

Fonte Regione Emilia-Romagna

Sbloccate le risorse per pagare i fornitori della sanità. L’Assemblea legislativa ha approvato nella seduta di oggi il progetto di legge della Giunta che rende subito disponibili circa 448 milioni di euro per consentire alle Asl di sbloccare i pagamenti alle aziende fornitrici nel settore sanitario. Rispetto al testo uscito dalla Giunta, la Regione ha provveduto ad un aumento di 24 milioni di euro di liquidità, grazie ad un nuovo riparto nazionale di cui l’Emilia-Romagna ha beneficiato.

Il provvedimento, che dà seguito a quanto previsto da misure nazionali, permetterà alle Aziende Sanitarie di pagare i propri fornitori già nei prossimi mesi di quest’anno, mentre una seconda tranche è prevista per il 2014. Con il decreto legge n. 35 del 2013 il Governo ha infatti  introdotto all’articolo 3 la possibilità per le Regioni di accedere ad una anticipazione di liquidità per il pagamento dei debiti sanitari cumulati al 31 dicembre 2012. 

La Regione si è impegnata con questa stessa legge a restituire in 30 anni la somma anticipata. Un’opportunità che l’Emilia-Romagna ha immediatamente colto, per permettere alle imprese fornitrici di beni e servizi del Servizio sanitario regionale di accedere con rapidità alle risorse finanziarie loro  spettanti.

“Con questa legge possiamo finalmente dare una risposta alle esigenze delle aziende fornitrici del nostro Servizio sanitario, abbiamo raccolto l’opportunità concessa dal decreto che mette a disposizione a livello nazionale 5 miliardi per il 2013 e 9 miliardi, non ancora ripartiti, per il 2014 – spiega l’assessore alle Politiche per la salute Carlo Lusenti – Il problema dei ritardi per l’Emilia-Romagna deriva dal ritardo del trasferimento di risorse statali, dal mancato finanziamento degli ammortamenti netti e dall’utilizzo di risorse correnti per investimenti altrimenti non finanziati”.

 

Allegati
Azioni sul documento
« gennaio 2021 »
gennaio
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031