Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2013 L'influenza si è presentata in forma più severa dello scorso anno
Azioni sul documento
Archivio 2013

L'influenza si è presentata in forma più severa dello scorso anno

Data di pubblicazione: 11/02/2013 09:36

La Regione Emilia-Romagna monitora costantemente l'andamento, 20 i casi gravi registrati finora

Ultimo aggiornamento : 12/02/2013

Fonte, Regione Emilia-Romagna

In Italia continua l’ascesa della curva epidemica dell’influenza che ha raggiunto e già superato i livelli di intensità massimi di altre stagioni influenzali. L’attività dei virus influenzali si è intensificata in modo marcato soprattutto nelle ultime settimane anche in Emilia-Romagna. 

La sorveglianza in atto evidenzia, come tutti gli anni, anche la presenza di casi gravi, con ricovero e manifestazioni respiratorie importanti e complicanze severe. Nonostante il monitoraggio sia previsto a livello europeo, in Italia finora poche Regioni di fatto partecipano. 

L’Emilia-Romagna registra scrupolosamente, con una comunicazione costante con gli ospedali,  l’evoluzione di tutti i casi gravi: a tutt’oggi sono stati rilevati  20 casi gravi con 4 decessi di adulti e anziani con fattori di rischio e, in maggioranza, non vaccinati.  

Nell’ultima settimana si sono verificati 8 di questi 20 casi e, cosa non evidenziata finora, di questi 8, 3 sono bambini; tra questi  non è considerato il caso della piccola di Reggio Emilia, deceduta il 7 febbraio, perché pur avendo i primi accertamenti identificato la presenza di virus influenzali, la diagnosi non è ancora confermata non essendo ancora ultimati i riscontri disposti dai sanitari.

Il decesso della piccola di Reggio Emilia e, prima, quello di un bimbo a Rimini, ha destato particolare preoccupazione. Occorre precisare che per il bimbo di Rimini si è trattato di una forma batterica invasiva a seguito di una forma virale non influenzale; per la bimba di Reggio Emilia si è appunto in attesa dei risultati degli ultimi accertamenti. 

Nella scorsa stagione a fronte di un’epidemia non particolarmente intensa, quasi 400.000 persone si sono ammalate, si sono registrati 21 casi gravi  e 4 decessi.

Quest’anno è da segnalare un calo importante della copertura vaccinale nella popolazione a cui ogni anno è assicurata a livello gratuito (anziani a partire dai 65 anni, bimbi e adulti con condizioni di rischio per la salute, operatori sanitari e socio sanitari, operatori di servizi pubblici…),  a seguito anche dei problemi di approvvigionamento causati dai provvedimenti nazionali di ritiro temporaneo dal commercio di alcuni vaccini antinfluenzali a inizio campagna. 

L’epidemia, inoltre,  sembra più severa, con la circolazione di virus influenzali di diverso tipo con un interessamento dei bambini con forme di inusitata gravità e con presenza di manifestazioni anche di tipo cardiaco e muscolare.

Occorre evidenziare che il sistema di sorveglianza europeo, anche se finora è alimentato solo da otto nazioni, ha registrato ad oggi più di 700 casi gravi e 19 morti. Anche gli Stati Uniti stanno monitorando con particolare attenzione le forme gravi pediatriche a seguito del verificarsi di decessi in un numero superiore a quello della stagione precedente.

Occorre ricordare che l’influenza, malattia stagionale che di solito si risolve in pochi giorni, può provocare complicanze e causare ricoveri e anche decessi:  il calo della copertura vaccinale può favorire una maggiore circolazione dei virus influenzali.

 
Allegati
Azioni sul documento
« febbraio 2021 »
febbraio
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728