Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Chi siamo Dipartimento amministrativo Servizio Unico Metropolitano Contabilità e Finanza (SUMCF) Trasparenza Pagamenti dell'amministrazione Misure organizzative per il rispetto dei tempi di pagamento
Azioni sul documento
Misure organizzative per il rispetto dei tempi di pagamento

Misure organizzative finalizzate al rispetto dei tempi di pagamento

Data di pubblicazione: 28/12/2010 11:35

Legge 102 del 3 agosto 2009, “ Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, recante provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini e della partecipazione italiana a missioni internazionali.“

Ultimo aggiornamento : 13/02/2017

L’Azienda USL di Bologna è nata nel 2004 dalla fusione di tre precedenti Aziende ed è attualmente una delle più grandi Aziende Sanitarie Italiane. Nell’anno 2014 i costi complessivi sono stati oltre i 1.700 milioni di euro, a fronte di circa 110.000 fatture passive  pervenute e 22.162 mandati di pagamento.

L’estrema complessità e la dimensione aziendale ha reso indispensabile una forte accelerazione del processo di informatizzazione delle procedure amministrative, con particolare riferimento a quelle contabili.

Infatti sin dal 2006 questa Azienda effettua i pagamenti esclusivamente attraverso il mandato informatico e gli incassi attraverso la reversale informatica. Ciò ha consentito una riduzione dei tempi tecnici dei pagamenti, una migliore operatività e un risparmio di carta e materiale informatico connesso insieme al processo di conservazione sostitutiva.

Al fine di garantire il rispetto dei tempi di pagamento,  ottimizzando i percorsi  tra i diversi  punti aziendali, inseriti nel processo amministrativo-contabile, dall’ordine di spesa, alla liquidazione della stessa, fino alla registrazione e pagamento della fattura, l’ Azienda ha proseguito nella sua attività di sviluppo e l’implementazione delle funzionalità utili alla dematerializzazione del processo stesso, propedeutiche all’introduzione della fatturazione elettronica.
In particolare sforzi sono stati compiuti per l’unificazione dei punti ordinatori di spesa e dei punti di  liquidazione,  con contestuale definizione di  procedure amministrative  condivise, nel contesto più ampio del progetto di certificazione del bilancio, favorendo la liquidazione automatica delle fatture in modo da rispettare gli intervalli di tempo stabiliti.

In tale contesto si segnala il Portale Fornitori, che  permette, da una parte, l’interscambio informativo, via web, con le ditte fornitrici, con la possibilità di trasmettere fatture in formato pdf  consentendo di avere un riscontro immediato e trasparente sull’avvenuta trasmissione, liquidazione e pagamento; dall’altra come strumento utile alla gestione del work flow Aziendale, avviando i documenti nel processo di contabilità in maniera più veloce ed efficiente.

Inoltre, dal 2008 vengono effettuati i controlli Equitalia sui pagamenti  superiori ai 10.000 euro disposti dall’art. 48/bis del DPR. 602 e relativi decreti e circolari attuative,  mantenendo sostanzialmente invariati i tempi tecnici delle procedure di pagamento e dal 2010 effettua i pagamenti nel rispetto della normativa sulla tracciabilità dei pagamenti (legge n. 136 del 13.8.2010).


Dal mese di agosto 2011, sulla base delle indicazioni fornite dal Collegio tecnico dei Direttori Amministrativi AVEC, questa Azienda applica la normativa sul DURC ai sensi del DPR 207 del 2010, sui pagamenti ai fornitori di beni e servizi.

In ottemperanza alla normativa entrata in vigore nel corso del 2012, e al DL 35/2013, convertito in legge 64/2013, l’Azienda gestisce le informazioni contenute nella Piattaforma elettronica di certificazione crediti del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 

Situazione di contesto finanziaria

A cadenza mensile, questa Azienda predispone il piano dei flussi finanziari in entrata  e in uscita per il mese successivo.  A fronte di entrate pari ad una valore medio mensile che allo stato attuale oscilla attorno ai  110 milioni di euro (di cui circa 5 milioni  di euro di entrate proprie e di circa  105 milioni di euro di risorse regionali), l’Azienda programma le cosiddette spese obbligatorie, ovvero le uscite di cassa che riguardano prioritariamente stipendi e redditi assimilati, servizi essenziali, assegni e sussidi, utenze, strutture protette e cooperative sociali.

Grazie alla terza anticipazione di liquidità prevista dai Piani di pagamento sottoscritti dalla Regione con il MEF, in riferimento al D.L n. 35 del 8 aprile 2013 convertito in Legge 64/2013 ”Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione,…” l’Azienda ha migliorato notevolmente, in corso d’anno, i tempi di pagamento che si sono attestati, a fine anno,  su di una media intorno ai 20 gg di ritardo rispetto alla tempistica prevista dalla normativa. Inoltre l’Azienda USL di Bologna opera costantemente in regime di anticipazione di Tesoreria nei limiti di legge, con una esposizione media mensile, nel 2014, pari a circa 23 milioni di euro.
Inoltre, a copertura delle spese di investimento, l’Azienda utilizza contributi regionali in conto capitale, proventi da alienazioni e mutui.


Testo aggiornato il 26.08.2015.


 

Allegati
Azioni sul documento
« settembre 2020 »
settembre
lumamegivesado
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930