Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Per i cittadini Anagrafe sanitaria - sportello on line Esenzione ticket
Azioni sul documento

Esenzione ticket

Data di pubblicazione: 16/04/2013 10:00

Informazioni e moduli stampabili

Ultimo aggiornamento : 09/02/2018

I PRINCIPALI TIPI DI ESENZIONE

Le principali tipologie di esenzione dal pagamento del ticket sono:

  • Esenzione ticket per reddito.
  • Esenzione ticket per lavoratori colpiti dalla crisi economica.
  • Esenzione ticket per le popolazioni colpite dal terremoto.
  • Esenzione dal pagamento del ticket per invalidità.
  • Esenzione ticket per patologia.
  • Esenzione dal pagamento del ticket per gravidanza.

 

ESENZIONE TICKET PER REDDITO

Sono esenti dal pagamento del ticket in base al reddito:

  • i bambini di età inferiore ai 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 36.151,98 (codice esenzione E01).
  • i cittadini di età superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 36.151,98; l’esenzione è personale e non può essere estesa ai familiari a carico (codice esenzione E01).
  • i disoccupati registrati presso i centri per l’impiego, già precedentemente occupati alle dipendenze e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 8.263,31, incrementato fino a € 11.362,05 in presenza del coniuge e di ulteriori € 516,46 per ogni figlio a carico. La condizione di disoccupato deve sussistere al momento dell'autocertificazione (codice esenzione E02).
  • i titolari di assegno (ex pensione) sociale e familiari a carico (codice esenzione E03).
  • i titolari di pensione al minimo, di età superiore a 60 anni e familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 8.263,31, incrementato fino a €11.362,05 in presenza del coniuge a carico e di ulteriori € 516,46 per ogni figlio a carico (codice esenzione E04).

Come fare per ottenere il certificato

Chi ha diritto alla esenzione per reddito deve recarsi personalmente presso uno degli sportelli della Azienda Usl di residenza – o delegare per iscritto una persona di fiducia – e compilare il modulo di autocertificazione.

Sulla base di questa autocertificazione l’Azienda USL di assistenza rilascia il certificato di esenzione.

Come utilizzare il certificato

Al momento della prescrizione il medico di famiglia o altro specialista del Servizio sanitario regionale dovrà indicare il codice dell'esenzione sulla ricetta, in assenza di tale codice, il cittadino sarà tenuto al pagamento del ticket.

Validità del certificato

Il certificato di esenzione ha validità annuale, con scadenza al 31 dicembre, rinnovabile di anno in anno. Per le persone con più di 65 anni, il certificato ha validità illimitata, per i bambini di età inferiore ai 6 anni il certificato ha validità sino al compimento del 6 anno di età. In tutti i casi, se le condizioni di reddito cambiano e non si ha più diritto all’esenzione, occorre comunicarlo tempestivamente alla propria Azienda Usl.

 

ESENZIONE TICKET PER LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA

Per informazioni clicca qui.

 

ESENZIONE TICKET PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAL TERREMOTO.

Per informazioni clicca qui.

 

ESENZIONE TICKET PER INVALIDITA'

Hanno diritto all’esenzione dal ticket per invalidità i cittadini con invalidità civile, di guerra, del lavoro, con cecità, sordomutismo, vittima di atti di terrorismo e della criminalità organizzata e familiari, i pazienti danneggiati da complicanze irreversibili a seguito di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati.

Possono usufruire di questa esenzione i cittadini italiani, comunitari e stranieri iscritti al SSN.

Per i cittadini comunitari in possesso di tessera sanitaria europea (TEAM) la certificazione di invalidità rilasciata all’estero deve essere valutata, per il suo riconoscimento / equiparazione, da un medico funzionario del Distretto.

L’esenzione dal pagamento del ticket può essere totale (cioè riferita a tutte le prestazioni) o parziale (riferita solo alle prestazioni correlate alla patologia).

Il diritto all’esenzione è certificato da un’apposita tessera di esenzione, che viene rilasciata dallo sportello del Distretto dell’Azienda Usl di residenza a cui la persona interessata presenta la certificazione che documenta lo stato di invalidità e/o i requisiti che danno diritto all’esenzione.

Lo stato ed il grado di invalidità devono essere accertate dalla competente Commissione medica della Azienda sanitaria locale di residenza dell’assistito.

La tessera di esenzione può avere scadenza illimitata o limitata.

L’esenzione viene registrata nel sistema informativo dell’Azienda Usl ed è inviata in automatico al medico di famiglia/pediatra della persona interessata.

Per fruire di questa esenzione è necessario che nella ricetta di prescrizione il medico di famiglia / pediatra / specialista indichi, nell’apposito campo dell’impegnativa, il codice identificativo dell’invalidità riconosciuta.

 

ESENZIONE TICKET PER PATOLOGIA

Le malattie croniche e invalidanti che danno diritto all'esenzione dal ticket sono individuate dal Decreto ministeriale 296/2001. L’elenco delle patologie è consultabile sul sito del Ministero della salute
Possono usufruire di questa esenzione i cittadini italiani, comunitari e stranieri iscritti al Servizio Sanitario Nazionale e i cittadini comunitari in possesso di tessera sanitaria (TEAM). Per i cittadini stranieri con tessera STP sono previsti specifici moduli e procedure.

Il diritto all’esenzione è attestato nel documento di iscrizione al Servizio Sanitario Regionale, rilasciato dagli sportelli Unici Distrettuali e dagli sportelli CUP polifunzionali, ai quali la persona interessata deve presentare la certificazione medica specialistica relativa alla patologia dalla quale è affetto.

La tessera di esenzione può avere scadenza illimitata o limitata, in relazione alla patologia,  e valere per tutte le prestazioni sanitarie o solo per quelle specificamente legate alla patologia.
I tempi di scadenza delle esenzioni sono consultabili nella sezione “Validità della tessera di esenzione ticket per patologia”.

L’esenzione è registrata nel sistema informativo dell’Azienda Usl di Bologna e comunicata al medico di famiglia/pediatra della persona interessata. Per fruire della esenzione è necessario che nella prescrizione di visite, esami o farmaci il medico di famiglia/pediatra/specialista indichi, nell’apposito campo della ricetta, il codice identificativo della patologia riconosciuta. In assenza di questa indicazione l’esenzione dal ticket non può essere riconosciuta.

Per il riconoscimento dell'esenzione per malattie rare occorre rivolgersi agli Sportelli unici distrettuali, presentando il certificato di diagnosi di malattia rara rilasciato da uno dei Centri Accreditati della Rete Nazionale Malattie Rare (individuabili ai seguenti link http://wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/malattierare/ o http://www.iss.it/cnmr/ccmr/ ).
Questo tipo di esenzione ha validità illimitata.

 

ESENZIONE TICKET PER GRAVIDANZA

Le coppie che desiderano avere un bambino e le donne in stato di gravidanza hanno diritto ad eseguire gratuitamente - senza pagare il ticket - alcune visite ed esami specialistici e diagnostici, utili per tutelare la loro salute e quella del nascituro:

  • le visite mediche periodiche ostetrico-ginecologiche;
  • alcune analisi da eseguire prima del concepimento, per escludere la presenza di fattori che possano incidere negativamente sulla gravidanza. Se la storia clinica o familiare della coppia evidenzia condizioni di rischio per il feto, possono essere eseguite in esenzione tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per accertare eventuali difetti genetici, prescritte dal medico specialista;
  • gli accertamenti diagnostici per il controllo della gravidanza fisiologica indicati, per ciascun periodo di gravidanza. In caso di minaccia d’aborto, sono da includere tutte le prestazioni specialistiche necessarie per il monitoraggio dell’evoluzione della gravidanza;
  • tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per la diagnosi prenatale in gravidanza, nelle specifiche condizioni di rischio per il feto, prescritte dallo specialista;
  • tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per il trattamento di malattie (preesistenti o insorte durante la gravidanza) che comportino un rischio per la donna o per il feto, prescritte di norma dallo specialista.


Chi ha diritto all’esenzione per gravidanza:

  • Cittadini italiani, comunitari e stranieri iscritti al SSN (Servizio sanitario nazionale)
  • Cittadini comunitari in possesso di TEAM (tessera europea assicurazione malattia)
  • Cittadini comunitari non in possesso di TEAM e privi dei requisiti per l’iscrizione al SSN
  • Cittadini stranieri titolari di tessera STP (straniero in soggiorno temporaneo), se l’esenzione è indicata sulla ricetta prescritta dal medico di medicina generale o dallo specialista di struttura pubblica.


Come si usufruisce dell’esenzione
Il medico riporta nell’apposito spazio della ricetta il codice di esenzione relativo alla settimana di gestazione in cui le visite/esami devono essere erogate. Questi i codici :

  • M00 : esente per stato di gravidanza in epoca pre-concezionale
  • M01- M41 : esente per stato di gravidanza in gravidanza ordinaria
  • M50 : esente per stato di gravidanza in gravidanza a rischio
  • M52 : ulteriori prestazioni in gravidanza erogate al personale navigante

Occorrono ricette distinte per le visite/esami esenti e per quelle non esenti.

« giugno 2018 »
giugno
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930