Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2018 Grazie Livio, consegnato un attestato di stima a Livio Tagliavini, 85 anni, 30 dei quali spesi a fare giocare i bambini del Pronto Soccorso Pediatrico
Azioni sul documento
Archivio 2018

Grazie Livio, consegnato un attestato di stima a Livio Tagliavini, 85 anni, 30 dei quali spesi a fare giocare i bambini del Pronto Soccorso Pediatrico

Data di pubblicazione: 19/12/2018 11:35

Oggi giovedì 20 dicembre, alle 13, Pediatria Ospedale Maggiore, 6° piano.

Ultimo aggiornamento : 29/01/2019

85 anni, sposato, una figlia, residente nel quartiere Porto Saragozza, divoratore di libri. E con una grande passione, portare conforto ai piccoli ospiti del Pronto Soccorso Pediatrico dell’Ospedale Maggiore. Da 30 anni, infatti, Livio Tagliavini non trascorre una settimana senza giocare con loro e regalare affetto e sorrisi.

Un impegno, del tutto volontario, che attraversa una vita e che oggi giovedì 20 dicembre è stato festeggiato ufficialmente proprio all’Ospedale Maggiore, quando Chiara Gibertoni e Chiara Ghizzi, rispettivamente direttore Generale dell’Azienda Usl di Bologna e direttore della Pediatria dell’Ospedale Maggiore, hanno consegnato a Livio Tagliavini un affettuoso e più che meritato attestato di stima.
La cerimonia si è tenuta presso la Pediatria, al 6° piano dell’Ospedale Maggiore, alle 13.

Livio Tagliavini, assieme ai volontari dell’Associazione di volontariato Onlus Andare a Veglia sono presenti sette giorni su sette al Pronto Soccorso Pediatrico dell’Ospedale Maggiore per intrattenere i bambini durante la loro permanenza. Origami, puzzle, palloncini, storie lette e raccontate, sono i ferri del mestiere. Livio in particolare è uno specialista degli aeroplani di carta, ne sa costruire una quantità innumerevole con cui lascia sbalorditi i piccoli pazienti che per far volare una sua creazione sono disposti anche ad abbandonare lo schermo dello smartphone.

Il suo impegno è cominciato 30 anni fa quando, andato in pensione dopo 40 anni di lavoro come commesso in un negozio di materiale elettrico, ha conosciuto l’associazione Andare a Veglia che lavora per l’inclusione sociale e la lotta alla solitudine, che da allora non ha più lasciato.

“30 anni fa la Pediatria era molto diversa da oggi  - afferma Livio Tagliavini -. I bambini allora rimanevano ricoverati anche per lunghi periodi ed era facile instaurare una vera e propria relazione. Molti aspettavano il nostro arrivo tutte le mattine già nell’atrio del reparto. Oggi per fortuna la permanenza in ospedale è in generale molto più breve, alle volte solo poche ore, ma poter far giocare e far dimenticare, anche se per poco, la malattia a un bambino rimane una soddisfazione infinita”. 


Allegati
Azioni sul documento
« maggio 2020 »
maggio
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031