Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2014 Bambini e Genitori di fronte a nuovi compiti. Quali azioni per sostenerli?
Azioni sul documento
Archivio 2014

Bambini e Genitori di fronte a nuovi compiti. Quali azioni per sostenerli?

Data di pubblicazione: 24/10/2014 11:32

25 ottobre a partire dalle ore 9 nell’Auditorium Enzo Biagi

Ultimo aggiornamento : 18/11/2014

Omogenitorialità e progetti di intervento basati su musica e gioco di supporto a bambini e genitori sono tra i principali temi del convegno " Bambini e Genitori di fronte a nuovi compiti. Quali azioni per sostenerli?", organizzato dall’Area di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza del Dipartimento di Salute Mentale, Azienda USL di Bologna con la collaborazione dell’Associazione Italiana Salute Mentale Infantile (AISMI) e ha il patrocinio del Comune di Bologna.

Il convegno verrà aperto da alcuni brani del film “Il cielo capovolto” di Emilio Marrese e Cristiano Governa con protagonisti bambini di ieri e sarà l'occasione per presentare i dati del Servizio di Neuropsichiatria dell’Azienda USL di Bologna e il Rapporto 2013-2014 del Gruppo Convention Children’s Right sulla situazione dei diritti dell’infanzia in Italia.

Seguiranno una relazione sul tema della omogenitorialità e la illustrazione di alcuni progetti condotti da associazioni che hanno dedicato particolare attenzione alle comunità di appartenenza, come l’”Associazione Mozart 2014” di Bologna, che collabora da tempo con il Servizio attraverso il Progetto Tamino voluto da Claudio Abbado, e l’Ospedale delle bambole”, recente creazione curata da Orecchio Acerbo di Pistoia.

Il Servizio di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Azienda Usl di Bologna ha seguito nell’anno 2013 8530 minorenni, dei quali circa 1/3 in età prescolare, 1/3 in età adolescenziale e 2/3 in età scolare. Il dato sulla età prescolare  testimonia una forte integrazione con la Pediatria di famiglia e ospedaliera oltre che con  i servizi pedagogici dei comuni.
La percentuale dei casi seguiti rispetto alla popolazione target è del 6.5% una delle più alte in regione. La percentuale degli utenti stranieri è attualmente di circa il 16% che sale a oltre il 22% nella città di Bologna. Dal 2008 al 2013 vi è stato un aumento di oltre il 6% di utenti con cittadinanza straniera e sono oltre 60 le nazionalità presenti tra gli utenti seguiti.
I cambiamenti sociali, culturali ed economici intervenuti e i nuovi compiti evolutivi e genitoriali comportano la  necessità di rivedere le pratiche operative e le modalità di intervento a partire dai nuovi bisogni complessi di una popolazione in continuo cambiamento.



Allegati
Azioni sul documento
« dicembre 2019 »
dicembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031