Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2014 Cittadini e sistema sanitario, l'importanza di capirsi: l'esperienza dei Comitati Consultivi Misti
Azioni sul documento
Archivio 2014

Cittadini e sistema sanitario, l'importanza di capirsi: l'esperienza dei Comitati Consultivi Misti

Data di pubblicazione: 28/03/2014 16:10

Il ruolo del volontariato nelle Aziende sanitarie, sabato 29 marzo, seminario in Regione

Ultimo aggiornamento : 31/03/2014

Fonte, Regione Emilia-Romagna

La relazione tra volontariato e Aziende, sanitarie, la collaborazione e la partecipazione di associazioni e cittadini al miglioramento della qualità dell’assistenza. Questi i temi del seminario regionale “Cittadini e sistema sanitario, l’importanza di capirsi: l’esperienza dei Comitati Consultivi Misti”, sabato 29 marzo dalle 9, in viale della Fiera 8 (Terza Torre), promosso dal Comitato consultivo regionale per la qualità dal lato del cittadino (Ccrq). All’incontro intervengono l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Carlo Lusenti , e il direttore generale sanità e politiche sociali della Regione Emilia-Romagna, Tiziano Carradori.

Quattro gruppi di lavoro metteranno a fuoco gli aspetti centrali del seminario: il rapporto tra le associazioni di volontariato e le Aziende sanitarie, l'ascolto dei cittadini, il nuovo regolamento dei Comitati Consultivi Misti (Ccm), l'oggi e il domani dei Ccm. Durante il seminario verrà presentata una ricerca sul numero di associazioni che collaborano a vario titolo con le Aziende sanitarie: sono 690 in tutta l’Emilia-Romagna, impegnate nelle donazioni (sangue, trapianti), in oncologia, nell’assistenza su diverse patologie, nella salute mentale, nell’assistenza nelle fasi avanzate della malattia, nel trasporto delle persone malate.

I Comitati Consultivi Misti hanno compiti di verifica e supporto alle Aziende, oltre che una funzione propositiva e consultiva sulla qualità dei servizi sanitari. Sono presenti nelle Aziende Usl (a livello aziendale e distrettuale), nelle Aziende Ospedaliere, nelle Aziende Ospedaliero-Universitarie, negli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) dell’Emilia-Romagna. I Ccm sono complessivamente 42 in tutta la regione e sono circa 900 le persone impegnate al loro interno, di cui 500 volontari. Inoltre sono sei i tavoli di coordinamento provinciale nelle Aziende Usl più grandi (Piacenza, Parma, Reggio, Modena, Bologna, Ferrara), mentre l’Azienda Usl della Romagna lo sta organizzando.

Un rappresentante dei Ccm per ogni Azienda sanitaria fa parte del Comitato consultivo regionale per la qualità dal lato del cittadino (Ccrq), che organizza il seminario regionale ed è stato istituito con le stesse finalità dei Ccm presso l´Assessorato regionale politiche per la salute.

Allegati
Azioni sul documento
« dicembre 2019 »
dicembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031