Strumenti personali
Tu sei qui: Portale News Archivio 2019 A Psicoradio: “Ovunque proteggimi”, il film di Bonifacio Angius
Azioni sul documento
Archivio 2019

A Psicoradio: “Ovunque proteggimi”, il film di Bonifacio Angius

Data di pubblicazione: 18/03/2019 15:21

Su Radio Città del Capo domenica alle 13.15

Ultimo aggiornamento : 27/03/2019

Ovunque proteggimi, il film di Bonifacio Angius, vincitore del premio come miglior film al festival Visioni Italiane di Bologna, è al centro di questa puntata di Psicoradio. Il film racconta la storia dell’incontro tra Alessandro e Francesca nel corso di un TSO (trattamento sanitario obbligatorio), dal quale inizia un loro viaggio fisico e mentale che rivela le loro fragilità ma anche un senso di vicinanza e la loro possibilità di riscatto.


Alessandro è un cantante di musica folk sassarese che ha perso il suo lavoro e, in un momento di crisi, subisce un TSO; Francesca è una madre a cui è stato tolto il figlio e per questo conduce una vita difficile. Dall’incontro di queste due persone nasce un forte legame, al punto che Alessandro diventa quasi l'angelo custode di Francesca, e questo è l’inizio del film e del viaggio dei due protagonisti verso una ribellione nei confronti delle regole della società.


Così, risponde, il regista, alla domanda quali siano stati i motivi che lo hanno spinto a raccontare la storia di due personaggi ai margini della società: “molto spesso non decidi tu le storie da raccontare, sono loro che scelgono te”, aggiungendo che, a suo parere, “in tutti i capolavori del cinema e della letteratura vengono raccontati personaggi cosiddetti marginali”. Angius precisa anche di aver deciso di non fare un film sulla salute mentale: “i personaggi non sono affetti da patologie ma reagiscono a delle cose che gli capitano durante la loro strada. Io penso che molte persone, se messe nella loro posizione, potrebbero reagire nell’identica maniera”. Il regista insiste, poi, su questo punto, interrogandosi: "Dove sta la patologia? La patologia è qualcosa di veramente sottile, io non ci vedo niente di patologico. Questi personaggi vivono qualcosa di familiare, che molto spesso è tenuto nascosto, per pudore soprattutto. Ci sono tantissime famiglie (a cui viene tolta la capacità genitoriale) che vivono situazioni del genere e che le tengono nascoste, quindi ho sempre pensato che fosse un argomento che potesse essere compreso da tanti, perché molti l’hanno vissuto direttamente.”

 

Psicoradio va in onda a:

BOLOGNA Radio Città del Capo domenica alle 13.15

MILANO, BRESCIA, MANTOVA, SONDRIO, PIACENZA, PARMA, CREMONA, PAVIA, 

ALESSANDRIA, VERCELLI, NOVARA, VARESE, COMO, BERGAMO Radio Popolare - mercoledì alle 21  

TORINO Radio Flash - giovedì alle 15.00 e alle 20.00

TORINO, CUNEO Radio Beckwith - mercoledì alle 1.30

BOLZANO Radio Tandem - giovedì alle 9.40

ROCCELLA Radio Roccella Ionica - lunedì alle 11.00

MESSINA Radio Street Messina - martedì e giovedì alle 11

Oppure, dal sito web.

 

Allegati
Azioni sul documento
« aprile 2019 »
aprile
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930