Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Appuntamenti Archivio La misura dell’anima, perché le diseguaglianze rendono le società più infelici
Mappa del sito
 
Azioni sul documento

La misura dell’anima, perché le diseguaglianze rendono le società più infelici

Data di pubblicazione: 17/01/2011 11:15
— archiviato sotto:
Cosa
  • Incontro
Quando 20/01/2011
da 18:30 al 20:00
Dove Bologna, Libreria delle Moline
La Costituzione italiana tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, ma cosa significa questo?
Diritto a essere curati, diritto a non essere curati, diritto a non ammalarsi?
Ne parliamo in una serie di incontri dedicati a "La salute: bene comune".
 

Nell'incontro di giovedì 20 gennaio, alle 18.30 presso la Libreria delle Moline,via delle Moline 3/a a Bologna, si parlerà di

La misura dell’anima, perché le diseguaglianze rendono le società più infelici.

Fino al secolo passato, ogni aumento del reddito procapite di una popolazione corrispondeva a un aumento del benessere: maggiore speranza di vita, più salute, più opportunità.

Oggi non è più così: Kate Pickett e Richard G. Wilkinson, due epidemiologi, dimostrano, misurando speranza di vita, salute fisica e mentale, dipendenze, coesione sociale, tasso di omicidi e violenze..., che i paesi sviluppati hanno superato una soglia oltre la quale non è il reddito di un paese, ma l’uguaglianza o la disparità di reddito a determinare il benessere o il malessere dei suoi abitanti.

Presentano il libro: 

Chiara Bodini, Centro Salute Internazionale, Università di Bologna

e

Barbara Curcio Rubertini, Università di Bologna, Scuola di dottorato in Sanità pubblica

Allegati
Azioni sul documento
« novembre 2019 »
novembre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930