Strumenti personali
Azioni sul documento

Le principali novità introdotte dal GDPR

Data di pubblicazione: 26/06/2019 16:50

Dal 25 maggio 2016 è in vigore il Regolamento (UE) 2016/679 sul trattamento dei dati personali (GDPR) che sostituisce la Direttiva sulla Protezione dei Dati Personali 95/46/CE.

Ultimo aggiornamento : 28/06/2019

Il contesto di riferimento

Il Regolamento UE detta regole comuni per tutti i Paesi della Comunità Europea con lo scopo di eliminare disparità di trattamento nei confronti dei soggetti interessati al trattamento e assicurare una maggiore e specifica tutela dei cittadini europei e dei loro dati personali.
L’entrata in vigore del nuovo Regolamento, introducendo rilevanti modifiche in materia di protezione dei dati personali, impone alle aziende e agli enti pubblici l’obbligo di rivedere le proprie policy interne riguardanti il trattamento dei dati sia in riferimento ai dipendenti sia ai singoli utenti/interessati. I Titolari di trattamento sono tenuti ad adottare misure di protezione e sicurezza adeguate a realizzare gli adempimenti previsti dalla normativa nazionale ed europea.

Titolare del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento dei dati è l'Azienda USL di Bologna, con sede legale in Via Castiglione n. 29, 40124 - Bologna.

Responsabile della protezione dei dati – Data Protection Officer (DPO)

L’Azienda USL ha designato il Responsabile della protezione dei dati – Data Protection Officer, soggetto che agisce in posizione di indipendenza ed autonomia e riferisce direttamente al Titolare del trattamento dei dati. Il DPO deve essere coinvolto in tutte le questioni che riguardano la protezione dei dati personali al fine di assicurare il corretto adeguamento alla normativa e funge da raccordo tra l'Autorità Garante e i privati, con compiti di consulenza e garanzia.

Nuova disciplina per il trattamento dei dati relativi alla salute in ambito sanitario

Diversamente dal passato, i trattamenti necessari per l'erogazione di una prestazione sanitaria richiesta dall'interessato (per finalità di cura) effettuati da un professionista sanitario soggetto al segreto professionale o da altra persona soggetta all'obbligo di segretezza, non richiedono più il consenso del paziente.

Resta l'obbligo di raccogliere il consenso per quei trattamenti che, pur essendo attinenti alla cura, non sono strettamente necessari, anche se son effettuati da professionisti sanitari.

Gli eventuali trattamenti attinenti alla cura ma non strettamente necessari,  pur se effettuati da operatori sanitari, richiedono una distinta base giuridica che può essere individuata o nel consenso dell'interessato oppure in un altro presupposoto di liceità.

Per i trattamenti in ambito sanitario non strettamente necessari alla cura rimane la necessità di raccoglier il consenso dell'interessato, per esempio:

  • Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE)

I trattamenti effettuati attraverso l'FSE, coerentemente a quanto sopra esplicitato, richiedono l'acquisizione del consenso quale condizione di liceità del trattamento (art. 75 del Codice Privacy).

  • Dossier Sanitario

I trattamenti effettuati attraverso il Dossier Sanitario, richiedono l'acquisizone del consenso da parte dell'interessato quale condizione di liceità del trattamento (Linee guida in materia di Dossier Sanitario del 4 giugno 2015).

  • Referti on line

I trattamenti effettuati attraverso la refertazione on line, richiedono l'acquisizione del consenso in base a specifiche disposizioni di settore e in relazione alle modaità di consegna del referto.

I chiarimenti del Garante per la Protezione dei dati personali sul trattamento dei dati in ambito sanitario

Informazioni sul trattamento dei dati

Coerentemente con la normativa europea e nazionale, le informazioni fornite agli interessati sono state aggiornate dal Titolare di trattamento, utilizzando un linguaggio chiaro e semplice e con la comunicazione agli interessati dei dati del Titolare e del Responsabile della Protezione dei Dati (DPO).

Le informazioni aggiornate contengono la comunicazione delle motivazioni e le tempistiche del trattamento.

I principi di riferimento

L'Azienda USL, in quanto Titolare di trattamento, attua le proprie policy per la protezione dei dati personali, coerentemente alle nuove disposizioni europee e nazionali sui principi di seguito riportati;

  • Principio dell’Accountability - Responsabilità verificabile

Tutti i soggetti che effettuano trattamenti dei dati devono conservare la documentazione di tutti i trattamenti effettuati. Tale obbligo è sanzionato a prescindere dall’utilizzo che si fa dei dati, in quanto per l’applicazione della sanzione è sufficiente non documentare i trattamenti.

  • Principio del by design

La protezione dei dati personali è parte integrante della progettazione dei processi aziendali e dei supporti informatici utilizzati.

  • Principio privacy by default

Il trattamento dei dati personali avviene unicamente nella misura necessaria per realizzare le finalità del trattamento e per il periodo strettamente necessario a tale finalità.

Valutazione di impatto

Il trattamento che presenta un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone richiede una valutazione preventiva dell'impatto sulla protezione dei dati personali connessi.

Responsabili di trattamento

Il Titolare del trattamento ha adottato il nuovo schema dell’atto di designazione a Responsabile (esterno) di trattamento, rivisto alla luce della nuova normativa europea (Reg. UE 679/2016).

Il nuovo schema di designazione va utilizzato nei casi in cui soggetti pubblici o
privati (Enti/Società/Ditte….), in virtù di rapporti contrattuali o convenzionali, siano chiamati a svolgere, per conto dell’Azienda USL, attività di trattamento dati di titolarità aziendale.

Il data breach (violazione dei dati personali)

Le eventuali violazioni dei dati devono essere tempestivamente individuate e comunicate, a seconda dei casi, alla autorità di controllo e ai singoli interessati.

In conformità agli artt. 33 e 34 del Regolemento UE 2016/679, l'Azienda USL ha adottato la procedura per la gestione di violazione dei dati personali.

I diritti degli interessati

In merito ai diritti degli interessati, si rimanda al sito del Garante.

La nuova organizzazione aziendale

L’Azienda Usl di Bologna, in continuità con le precedenti scelte organizzative, ha identificato nuovi ruoli e nuove responsabilità e ha introdotto nuove istruzioni per il corretto trattamento dei dati personali.

Il Titole del trattamento, al fine di definire ulteriormente ruoli e responsabilità ha ritenuto di regolamentare i rapporti tra il DPO e l'organizzazione dell'Azienda USL.

« agosto 2019 »
agosto
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031